Esondano i canali a Pietrasanta, Capezzano, Lido di Camaiore e Viareggio

Il Consorzio arresta le tracimazioni con escavatori e sacchi di sabbia. Operai e tecnici presidiano ogni bacino, dal Cinquale fino a Vecchiano. Impianti idrovori accesi e stretto controllo sulla rete per far defluire l'acqua e contrastare la forza del mare. Attesa una nuova perturbazione per la notte

Le piogge intense hanno messo in crisi una serie di canali nella fascia interna della Versilia compresa tra la zona di campagna di Pietrasanta e il Fiume di Camaiore. Questa è l’area più colpita dalle precipitazioni intense e concentrate in poche ore che hanno fatto registrare picchi di acqua significativi. Si parla di un nubifragio che ha riversato in poco tempo fino a 90 millimetri di acqua sul territorio. Data la situazione sono esondati uno dopo l’altro una serie di piccoli canali nella zona di Capezzano Pianore e poi ancora tra Pietrasanta e Lido di Camaiore.

In contemporanea sono partite le squadre di operai del Consorzio di Bonifica per intervenire e contenere l’acqua. Grazie al pronto intervento con escavatori per rinforzare gli argini rientrano le situazioni critiche e si contengono i canali al limite, mentre sul fosso della Chiusa, nella zona del Giardo si decide di pompare acqua nel vicino fiume, utilizzando una pompa mobile da 600 litri al secondo per alleggerire il carico.

Nel mentre alla sala operativa arrivano segnali di allerta per il canale di Ponente, alle spalle della zona commerciale delle Bocchette, oltre il fiume di Camaiore verso Viareggio. Anche qui si interviene per alzare l’argine e cercare di contenere l’acqua che è arrivata al bordo: gli operai stanno sistemando una fila di sacchini di sabbia.

Gli impianti idrovori sono accesi ma i livelli vengono controllati con estrema attenzione: il mare infatti è in fase di alta marea.

Aggiornato il: 23-11-2018 20:11