“Mentre sui social network si scatenavano gli istinti più beceri dei fan del cosiddetto capitano che invitavano alla “giustizia fai da te” e minacciavano a destra e manca giudici, centri sociali, giornalisti e chiunque non si piega al pensiero unico del ministro dell’interno, noi dell’Officina Dada Boom abbiamo promosso un dibattito sull’antirazzismo a cui hanno partecipato diversi artisti, attivisti della cooperativa Odissea e militanti del comitato 9 gennaio antirazzista e antifascista”.

E’ quanto si legge nella nota stampa:

“Dopo il dibattito abbiamo premiato Mimmo Lucano, sindaco di Riace con la seconda edizione del premio uovo d’oro, che viene assegnato a chi si contraddistingue per pratiche antirazziste mettendo anche a repentaglio la propria libertà. La prima edizione fu assegnata ai 27 che ebbero l’ardire di contestare Matteo Salvini, nel maggio 2015, e giustamente tutti assolti dai capi di imputazione loro attribuiti. Mimmo Lucano, intervenuto telefonicamente, si è rallegrato dell’assoluzione dei compagni che lo hanno salutato con un caloroso e lungo applauso. Non possiamo fare altro che augurarsi che l’uovo d’oro che ha portato bene agli antirazzisti viareggini porti bene anche a questo uomo coraggioso che ha la sola colpa di avere provato a costruire un modello diverso di accoglienza e solidarietà”.

(Visitato 180 volte, 1 visite oggi)