In vista delle Primarie del prossimo 3 marzo per l’elezione del nuovo Segretario nazionale del PD, i circoli di Seravezza e Querceta hanno iniziato il loro avvicinamento a tale scadenza con una prima assemblea svoltasi lo scorso lunedì 17 dicembre che ha visto la partecipazione ed il coinvolgimento di una folta rappresentanza di iscritti e simpatizzanti.

Dalla riunione è emerso il diffuso sentimento di un partito disarticolato tra i propri vertici e la base, di una “lontananza” materializzata nella perdita di peso e di consenso.

“Il messaggio che la nostra assemblea vuole recapitare ai dirigenti, nazionali e regionali, è che i circoli territoriali non possono essere investiti solo di questioni meramente amministrative, per quanto queste importanti e meritevoli di attenzione siano. Né tantomeno essere operativamente coinvolti solo durante le campagne elettorali per organizzare gazebo – scrivono in una nota: “Abbiamo visto come il consenso verso il centrosinistra si sia drammaticamente ridotto negli ultimi due anni, consenso evaporato nell’astensionismo o – peggio ancora – “emigrato” verso altre forze politiche a noi antagoniste.  Recuperarlo non sarà semplice. Per questo, a nostro parere, c’è bisogno di parlare all’opinione pubblica italiana con una voce sola, c’è bisogno di una classe dirigente all’altezza dei tempi, c’è bisogno di elaborare rapidamente una proposta politica credibile, c’è bisogno di un partito che torni a lavorare sul territorio con i propri circoli e federazioni a stretto contatto con i cittadini e le cittadine. Invitiamo tutti iscritti e simpatizzanti ad un proficuo lavoro nelle prossime riunioni, il nostro Paese ha assolutamente bisogno di un alternativa forte e credibile”.

 

(Visitato 121 volte, 1 visite oggi)
TAG:
pd seravezza

ultimo aggiornamento: 28-12-2018


“Chiudere temporaneamente una scuola per metterla in sicurezza non significa cancellarla ma, al contrario, proteggerla per garantirne il futuro”

Il cordoglio di “Al cuore della Versilia” per la morte di Stefano Mussi, deceduto nell’incidente a Forte dei Marmi