Ieri sera la Polizia Stradale di Firenze ha beccato sull’A/1 due camionisti, un 60enne di Chieti e un 55enne del pescarese, che stavano effettuando trasporti eccezionali infischiandosene delle regole da osservare. Ambedue, dipendenti di una ditta del marchigiano, erano partiti da Orvieto con i loro bestioni per consegnare a Casalecchio grosse travi di cemento e, giunti a Firenze Nord, una pattuglia di quella Sottosezione ha notato che stavano viaggiando troppo spediti.

I poliziotti, con non poche difficoltà, sono riusciti a intercettare i TIR e a condurli in un ampio svincolo, dove era possibile farli fermare. Poi hanno spulciato i dati della scatola nera dei mezzi, accertando che i due avevano superato i limiti di velocità imposti per quei trasporti eccezionali, rischiando così di arrivare troppo lunghi in frenata e causare grossi danni. A quel punto la Polstrada li ha multati per quasi 200 euro a testa, ammonendoli a proseguire il viaggio senza premere troppo sull’acceleratore.

Sempre ieri, ma sull’Autopalio, la Sezione di Siena ha denunciato un camionista che con il suo TIR stava trasportando nel vicentino quasi 25 tonnellate di rottami ferrosi. L’uomo, un 40enne del casertano, è stato fermato all’altezza di Poggibonsi e non ha esibito alla pattuglia l’autorizzazione a movimentare rifiuti. I poliziotti, che stanno approfondendo gli accertamenti, lo hanno denunciato e ora lui rischia una multa superiore a 3.000 euro.

(Visitato 154 volte, 1 visite oggi)