Aveva denunciato di essere stata aggredita da due extracomunitari che volevano violentarla, riuscendo a fuggure dopo averne preso a calci uno. Ma la donna, un 25enne, si era inventata tutto. A renderlo noto è stato lo stesso procuratore della Repubblica di Grosseto, Raffaella Capasso, in una nota dove spiega che “la giovane ha ammesso che l’aggressione a sfondo sessuale non è in realtà mai avvenuta”.  I carabinieri, non convinti dal racconto della giovane, avevano continuato le indagini per risalire ai presunti aggressori. “L’intensa attività investigativa”, spiega il procuratore “ha evidenziato numerose incongruenze rispetto alla versione fornita dalla presunta vittima. Posta di fronte al quadro degli elementi raccolti, ha ammesso che l’aggressione non è mai avvenuta. Le indagini proseguono per definire nel dettaglio i contorni della vicenda”

(Visitato 436 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carabinieri grosseto procura tentata violenza sessuale. invenzione

ultimo aggiornamento: 13-01-2019


Blitz dei Nas in fabbrica, trovati lavoratori in nero

Si schianta contro un albero, ragazza ferita alle gambe