Autovelox, Conti: "Facciamo chiarezza" - Politica Pietrasanta Versiliatoday.it

Autovelox, Conti: “Facciamo chiarezza”

“Sull’installazione dell’autovelox lungo la via Aurelia sono necessari alcuni chiarimenti per una corretta informazione dei cittadini. Il messaggio che in modo subdolo si sta cercando di far passare è che il dispositivo di controllo della velocità sia stato voluto e installato da Anas e che l’Amministrazione lo stia “subendo”. Ma questo non è vero!”

La nota stampa arriva da Nicola Conti, del Pd:

“Con la nuova perimetrazione approvata con la delibera di Giunta n. 149 del 2016, con l’ex-vice sindaco Mazzoni a presiedere la seduta, si è data la possibilità di installare autovelox senza l’obbligo della contestazione immediata (ovvero un autovelox fisso).

In seguito sono seguite varie richieste verso la Prefettura di Lucca per procedere all’installazione. In particolare quella del 20 ottobre 2016 a firma dell’allora e attuale assessore alla Polizia Municipale Cosci. “La presente,…,  per rappresentare che questa Amministrazione Comunale,…, dà mandato al Comando di Polizia Municipale di procedere all’attivazione delle procedure di fornitura, posa ed attivazione dei dispostivi lungo i tratti stradali già indicati nel decreto di Codesta Autorità”(ovvero Aurelia, ex SP Vallecchia e Sarzanese). Come a dire: l’autorizzazione per nuove installazioni già c’è!

A chiarire in modo limpido chi ha installato l’autovelox, basta leggersi le determine di spesa sostenute dal Comune di Pietrasanta nel 2018 per l’affidamento dei lavori edili e per la fornitura, posa e manutenzione dell’autovelox incriminato . In tutto questo Anas non compare mai, se non che una parte dei proventi delle multe deve essergli riconosciuto in qualità di proprietario della strada statale.

In genere quando si vuole nascondere qualcosa è perché ci se ne vergogna e in questo caso lo capiamo benissimo: 240 multe al giorno di cui la maggior parte per pochi chilometri rispetto al limite di velocità, a dimostrazione della sua inadeguatezza per il tratto di strada.

Se è vero che l’Amministrazione non vuole fare cassa, lo disattivi in attesa dell’aumento del limite di velocità; anche se spento funzionerà come deterrente e la salvaguardia per la sicurezza stradale sarà ugualmente garantita.

Ma per il momento l’autovelox per fare cassa e tassare i cittadini è perfetto!”

(Visitato 1.385 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 18-01-2019 14:00