Manomette la centralina che rileva l’aumento pericoloso delle emissioni nocive dai gas di scarico del proprio mezzo pesante: fermato all’uscita dell’autostrada dalla Polstrada di Viareggio.

Non è una frode semplice da scoprire sulla strada, perché avviene tramite uno specifico equipaggiamento elettronico nascosto sul camion. A scoprirla, riuscendoci, è stata una pattuglia della Polizia Stradale di Viareggio che grazie all’elevato standard di specializzazione nel settore dell’autotrasporto, ha intuito, che vi fosse qualcosa di anomalo.

La pattuglia nel pomeriggio di ieri, ha fermato il camion bulgaro al casello di Viareggio. Questi diretto dalla Francia a una località in provincia di Lucca doveva caricare materiale presso una nota cartiera. Gli agenti, insospettiti dal nervosismo dell’autotrasportatore che chiedeva insistentemente lumi sul perché di quel controllo, hanno iniziato un controllo approfondito con le apparecchiature in dotazione alla Polstrada e unitamente all’intuizione degli scaltri operatori, individuano l’anomalia.

Gli agenti, intensificando i controlli sia sul motore, hanno notato che sulla centralina che controlla le emissioni inquinanti del camion,  questa era stata manomessa. In pratica, il veicolo che avrebbe dovuto viaggiare, in assenza di Adblue a non più di 30 km/h, circolava tranquillamente a ben più degli 86 km/h previsti per legge. Occorre specificare che l’AdBlue è una soluzione composta da urea e acqua, atossica, incolore, inodore e non infiammabile, che viene inserita in un serbatoio dedicato del veicolo, in genere con il proprio sensore e indicatore. La sostanza viene iniettata nebuluzzata nel sistema di scarico ed a elevate temperature, trasformandosi in anidride carbonica e ammoniaca. In sostanza, fuoriescono nello scarico, questa scompone le emissioni di ossido di azoto in vapore acqueo e gas di azoto non nocivo, riducendo drasticamente le emissioni inquinanti. Ne consegue che l’elevato costo dell’Adblue incide considerevolmente nel bilancio di un viaggio facendone lievitare i costi. Basti tener presente che un fusto di Adblue da 200 litri costa circa €160, pentanto nel manomettere detto apparato, si possono ravvisare gli estremi di una concorrenza sleale contro i lavoratori connazionali che sono soggetti a rigidissi montrolli periodici.

Ancora una volta gli uomini e le donne della polizia di stato ed in particolare della Polizia Stradale hanno tenuto alti i principi di legalità a tutela della sicurezza di tutti sulle nostre strade.

(Visitato 1.201 volte, 1 visite oggi)
TAG:
polstrada tir viareggio

ultimo aggiornamento: 22-02-2019


Controlli antidroga alla stazione di Torre del Lago, arrestato pusher tunisino

Colpo al Bagno Alhambra, i ladri devastano lo stabilimento balneare del “vialone” in Darsena