Contenzioso rifiuti davanti al Tar: Sea rinuncia alla sospensiva, Camaiore deve sospendere l’affidamento a Ersu

Udienza dinanzi al TAR Toscana questa mattina a seguito del ricorso presentato da Sea Ambiente contro le delibere del Comune di Camaiore che hanno di fatto annullato ogni rapporto con lo società viareggina dei rifiuti e affidato il servizio ad Ersu.
Dinanzi ai giudici fiorentini si sono costituiti anche Sea Risorse, Reti Ambiente e il Comune di Viareggio.
“Sono molto soddisfatto dell’esito odierno – ha spiegato il presidente Fabrizio Miracolo: “Camaiore ed ERSU hanno chiesto alle parti di rinunciare alla sospensiva, e il Presidente del Tar ha subordinato tale possibilità alla sospensione di ogni attività ed iniziativa con preciso riguardo agli atti impugnati. Sea Ambiente, Sea Risorse, Retiambiente ed il Comune di Viareggio avendo sostanzialmente ottenuto la sospensione di ogni e qualsiasi attività sono stati accondiscendenti”. Il Presidente ha fissato la data del 23 Maggio 2019 per discutere il merito e per la sentenza.
Di fronte alla possibilità di avere a breve un’udienza di merito, il presidente del tribunale amministrativo della Toscana ha proposto alle parti di rinunciare alla richiesta di sospensiva.  Sea Sea Ambiente, Sea Risorse, Reti Ambiente (ed il Comune di Viareggio), hanno accettato a condizione che Camaiore ed Ersu non diano impulso né giuridico né materiale al procedimento posto in essere e contestato, da qui alla sentenza di merito.
Nella sostanza è stata ottenuta una sospensione volontaria di tutti gli effetti dei procedimenti in attesa che il Tar decida in maniera definitiva.

Aggiornato il: 19-03-2019 12:10