Consulta Volontariato
Consulta Volontariato

L’incontro con le associazioni e con la consulta del volontariato è stata un’altra occasione, se mai ce ne fosse voluta la conferma, di quanto sia presente il mondo dell’associazionismo nel nostro Comune e nelle nostre vite.

Una discussione serena fra le associazioni e tutti i candidati a Sindaco, perché quando si parla di volontariato, le casacche politiche sono sempre rimaste fuori dalla porta.

Sosterrò sempre il volontariato e l’associazionismo locale, cercando di aiutare con ogni mezzo chi dedica la propria vita e le proprie energie al prossimo.

La sussidiarietà è Il punto cardine che sta alla base della nostra azione politico-amministrativa. Mai dovremmo far si che la politica prevalga all’interno delle associazioni, vorrebbe dire incrinare lo spirito di servizio che non ha colore.

Le parole chiave devono essere libertà, autonomia e sostegno: Un Sindaco giusto, deve garantire libertà di azione nell’assoluta autonomia alle associazioni, dando il massimo sostegno a chi si dona per gli altri.

L’azione amministrativa non dovrà mai sostituirsi alle persone e alle associazioni, ma dovrà necessariamente affiancarle, sostenendo le loro opere e le loro iniziative.

In questi anni di crisi il numero delle persone in difficoltà è cresciuto a Massarosa e noi da un lato abbiamo l’obbligo di fare di più, ma dall’altro dobbiamo far ripartire la nostra economia, creare occasioni di occupazione e di impresa  per far si che coloro che in questo momento hanno bisogno di noi, abbiamo l’opportunità attraverso il lavoro di un riscatto sociale.

Emergenza abitativa

L’emergenza abitativa è in problema molto sentito sul territorio e dovremo impegnarci per garantire ai nostri cittadini il diritto alla casa, perché dopo il lavoro è la necessità più importante dell’uomo.
Dovremo far ripartire progetti fermi da anni per dare corpo a queste necessità

Dobbiamo anche impegnarci per il sostegno al mondo della disabilità e alle loro famiglie, potenziando le occasioni formative e di integrazione.

Questo passa attraverso precise scelte che un’amministrazione deve adottare e
Su queste vogliamo intervenire per razionalizzare le risorse di un bilancio e dare nuovo slancio ai servizi.

 

La società della salute toglie risorse ai servizi e alle associazioni.

Come da sempre sostengo, la Società della Salute è solo un ente in più che toglie risorse che potrebbero essere destinate ai servizi, al volontariato e alle associazioni.
Un consorzio in liquidazione – del quale l’assessore Barsotti, oggi candidata con il PD ne è presidente – che ha costi altissimi per la collettività. Solo il direttore ha un compenso che costa ai cittadini oltre 140 mila euro all’anno e ha costi di gestione di oltre 400 mila euro.

Sono invece favorevole alla Conferenza dei Sindaci che in primo luogo non ha costi e in secondo luogo rappresenta a pieno e in maniera diretta la cittadinanza.

In questo modo sarà possibile avere fondi in più per il volontariato.

I fondi per il sociale nel nostro bilancio sono addirittura calati, e in alcuni casi i fornitori di servizi alla persona attendo di essere pagati anche da due anni.
Per l’accordo sul sociale con i sindacati ad esempio, nel 2015 c’erano 200 mila euro, mentre per il 2019 è ridotto a 120 mila euro. 40% in meno.
La stessa società della Salute vanta crediti verso il comune di 374 mila euro per servizi vecchi anche di due anni così come, cosa ancor più grave, alcune associazioni del territorio.

 

(Visitato 96 volte, 1 visite oggi)