Nella mattinata odierna, è stato effettuato a cura del Sostituto Procuratore della Repubblica di Lucca Salvatore Giannino, titolare dell’inchiesta sull’incidente occorso sabato 13 luglio 2019 ad una bambina di 12 anni presso la piscina del bagno “Texas” di Marina si Pietrasanta, un sopralluogo presso la medesima struttura balneare, congiuntamente al personale della Capitaneria di Porto di Viareggio nonché a consulenti informatici ed ingegneri specialisti nel settore idraulico, per approfondire la dinamica di quanto accaduto.

Nel corso del sopralluogo sono stati notificati atti alle persone indagate che risultano essere i titolari della struttura e gli assistenti bagnanti potenzialmente coinvolti, per un totale di sei persone ( COME SCRITTO DA VERSILIA TODAY QUESTA MATTINA, LEGGI QUI: Bimba in fin di vita all’Opa, si procede per lesioni colpose…)

Gli accertamenti hanno riguardato prevalentemente l’area della piscina, già oggetto di sequestro, per acquisire maggiore contezza sia del funzionamento delle vasche, che del sistema di registrazione delle telecamere, anch’esse già oggetto di sequestro, seppur un accertamento tecnico specifico sul sistema di funzionamento idraulico dell’impianto delle piscine sarà effettuato nel corso di successivi sopralluoghi.

Altro aspetto oggetto di approfondimento sono state le procedure di sicurezza e di emergenza che si sarebbero dovute adottare nella fattispecie, valutate anche sotto l’aspetto dei compiti e delle responsabilità derivanti dall’organigramma della struttura.

Intanto la piccola si trova in condizioni disperate all’Opa, ancora attaccata alle macchine per il cuore e i polmoni. I medici stanno facendo di tutto per poterla salvare.

(Visitato 5.024 volte, 1 visite oggi)

Bimba in fin di vita all’Opa, si procede per lesioni colpose gravissime: 6 indagati dalla Procura

Tragedia in piscina, la bimba è morta all’Opa