Incastrato dalle telecamere di videosorveglianza il ladro del "Margherita" - Cronaca Viareggio, Top news Versiliatoday.it

Incastrato dalle telecamere di videosorveglianza il ladro del “Margherita”

La polizia arresta anche tre persone tra Viareggio e Torre del Lago

Nella giornata di ieri personale della Squadra Volante del Commissariato ha denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un uomo italiano di 40 anni per il reato di furto aggravato. Si tratta, in particolare, dell’autore del furto commesso il 29 giugno scorso all’interno del “Gran caffè Margherita” a Viareggio, identificato dal personale di volante grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza.

Nelle giornate di giovedì 18 e venerdì 19 luglio personale della Polizia di Stato di Viareggio ha tratto in arresto tre uomini colpiti da rispettivi ordini di carcerazione.

Nelle giornate di giovedì 18 e venerdì 19 luglio personale della Polizia di Stato di Viareggio ha tratto in arresto tre uomini colpiti da rispettivi ordini di carcerazione.
Nel dettaglio, nella giornata di giovedì un uomo italiano di 50 anni e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, specie furti in abitazione, è stato arrestato e tradotto in carcere in esecuzione di ordine di carcerazione emesso per tali reati dal Tribunale di Lucca.
Nella giornata di venerdì, invece, a seguito di mirati servizi di controllo volti alla prevenzione e repressione dei reati, sono stati fermati e sottoposti a controllo numerose persone e veicoli.
Nel corso di tali controlli un uomo è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Lucca in quanto, a seguito di accertamenti, è risultato essere gravato da un provvedimento restrittivo emesso dall’Autorità Giudiziaria lucchese. Si tratta, in particolare, di un giovane italiano di trent’anni residente a Torre del Lago con diversi precedenti per reati inerenti gli stupefacenti e il patrimonio, il quale dovrà scontare una pena per il reato di rapina in concorso.

Sempre nella giornata di venerdì, infine, uno dei cittadini marocchini coinvolti nella rissa del 5 luglio nei pressi del bar Turi a Viareggio è stato tratto in arresto e condotto in carcere in esecuzione di provvedimento cautelare della custodia incarcere emesso dal GIP presso il Tribunale di Lucca.

(Visitato 2.135 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 20-07-2019 9:31