Decreto sicurezza bis, Betti: “Ne’ Salvini nè i suoi seguaci hanno il Vangelo in casa”

“È evidente che né Ministro Salvini né i suoi seguaci hanno una copia di almeno uno dei quattro Vangeli in casa, nonostante i rosari sventolati in piazza, altrimenti non si straccerebbero le vesti per le posizioni prese da molti uomini di Chiesa riguardo al disumano Decreto sicurezza Bis le cui colonne portanti non sono certo l’umanità e l’accoglienza verso i più deboli”.

Il commento sul decreto sicurezza bis arriva dall’avvocato Leonardo Betti, segretario del Pd di Viareggio:

“Ancor più grave secondo noi è che attraverso un linguaggio aggressivo e becero si tenti di censurare la libera espressione del pensiero.

Il Partito Democratico di Viareggio intende portare la propria solidarietà all’Arcivescovo di Lucca Paolo Giulietti per l’odierno attacco inferto dal rappresentante locale della lega, per aver espresso il proprio pensiero sul decreto sicurezza bis, quello stesso decreto che, per la cui approvazione, il 5 agosto, il ministro degli interni Matteo Salvini ha ringraziato anche la Beata Vergine Maria.

Dunque, mentre il capitano può dire tutto ciò che vuole su tutto e tutti, coloro che la pensano diversamente devono tacere! Questo il senso di libertà e democrazia che regna in certe menti.

Salvare le vite umane dovrebbe essere una responsabilità di ciascuno, in particolare del ministro dell’Interno. E questi attacchi a chi la pensa diversamente sono inaccettabili!

Quindi, invitiamo tutti coloro che la pensano diversamente da certe reviviscenze degli anni bui a venire allo scoperto, a farsi sentire sempre più e a battersi per quei diritti che sono costati migliaia di vite di partigiani e di cittadini che hanno combattuto per la libertà di tutti e a non cedere alle minacce e agli attacchi, più o meno velati, che quotidianamente vengono mossi verso chi ha un pensiero (fortunatamente) diverso”.

Aggiornato il: 06-08-2019 18:20