Ferragosto sicuro, massiccia operazione dell’Arma nel massese

Massiccia operazione di controllo del territorio dei Carabinieri della Compagnia di Massa coadiuvati da quelli del Nucleo Cinofili di San Rossore (PI), del Nucleo Elicotteri di Pisa e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Carrara, oltre che dalla Polizia Municipale. Impiegati 20 militari a bordo di 10 autovetture e 1 elicottero AB 412.

A partire dalla notte di mercoledì e per tutta la giornata di Ferragosto i Carabinieri hanno svolto un’importante attività di controllo straordinario del territorio con lo scopo di garantire la sicurezza sulle strade, nei locali, nelle piazze ed in tutti i principali luoghi di ritrovo giovanile alle migliaia di turisti e residenti che hanno affollato la città, il litorale e  la Lunigiana in occasione della festività. I militari dell’Arma, supportati dall’alto da personale a bordo di un elicottero, sono stati impegnati principalmente in controlli per il contrasto ai reati predatori e antidroga, per la sicurezza della circolazione stradale con l’impiego di etilometri ed autovelox, di sicurezza sul lavoro e negli esercizi pubblici. Numerosissime inoltre le richieste di intervento effettuate dai cittadini alle quali i Carabinieri hanno fatto fronte: alla fine della giornata sono state registrate ben 162 chiamate al 112.

Al termine dei servizi, nel corso dei quali sono stati controllati 84 veicoli, identificate 102 persone, effettuate verifiche in 8 esercizi pubblici e locali di pubblico intrattenimento, si contano 5 persone denunciate a piede libero all’autorità giudiziaria, 2 consumatori di stupefacenti segnalati alla Prefettura poiché trovati in possesso di 10 grammi di cocaina, hashish e marijuana, 4 sanzioni amministrative elevate ad esercizi pubblici ed altre 5 nei confronti di prostitute che stavano esercitando. Nell’ambito dei controlli sulla strada sono state inoltre contestate, oltre ad una denuncia per guida in stato di ebbrezza (un commerciante della zona sorpreso alla guida con un tasso alcolemico di 1,23 g/l quando il limite massimo consentito è 0,5), 11 infrazioni al Codice della Strada (tutte per violazioni inerenti la sicurezza della circolazione), è stato ritirato un libretto di circolazione e sospesa la circolazione di 2 veicoli non in regola. Il servizio straordinario svolto dai Carabinieri ha però fornito un importante risultato anche nell’ambito della prevenzione: il massiccio dispiegamento di forze ha permesso un ordinato svolgimento di tutti i festeggiamenti e garantito la sicurezza degli utenti della strada, tanto che, a fronte delle migliaia di persone presenti, alla fine sono stati soltanto 3 gli incidenti stradali rilevati, tutti di lieve entità e di cui soltanto uno con un ferito non grave a seguito di un tamponamento.

Per quanto riguarda le altre 4 denunce a piede libero operate dai Carabinieri, queste scaturiscono dalle seguenti vicende:

  • una donna è stata denunciata a Massa per furto in abitazione per aver rubato, nel giro di alcuni mesi fino a ieri, circa 5.000 euro di gioielli in casa di una persona alla quale prestava assistenza;
  • una donna di nazionalità rumena, controllata a Massa nel corso del servizio di perlustrazione, è stata segnalata per non aver ottemperato all’ordine di lasciare entro 30 giorni il territorio nazionale pur essendo stata già colpita da decreto di allontanamento dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Massa nel mese di aprile scorso;
  • il titolare di un esercizio pubblico del litorale, al quale era già stata notificato l’obbligo di sospensione dell’attività per 15 giorni per alcune irregolarità rilevate nelle settimane precedenti, per non aver ottemperato alle disposizioni dell’autorità di pubblica sicurezza, continuando ad effettuare l’attività di somministrazione di alcolici;
  • un uomo con problemi psichici, a Fivizzano, per aver infranto il parabrezza di due autovetture ed aver aggredito e minacciato i Carabinieri della locale Stazione intervenuti sul posto, prima di essere ricoverato in ospedale.

Come accennato, sono proseguiti i controlli agli esercizi pubblici, nel corso dei quali sono stati sanzionati, oltre a quello indicato in precedenza, i titolari di altre 3 strutture:

  • 1 bar di Marina di Massa, ove è stata riscontrata la presenza di un lavoratore “in nero”. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di sospensione dell’attività;
  • 1 bar di Marina di Massa per 2 violazioni amministrative inerenti la mancata esibizione di alcuni documenti;
  • 1 bar ristorante del centro cittadino per irregolarità rilevate nella corresponsione delle retribuzioni dei dipendenti.

Sanzionate amministrativamente infine 5 prostitute che stavano esercitando sul lungomare.

Aggiornato il: 16-08-2019 11:27