Antonio Fusco a Giallo d'Amare con "Alla fine del viaggio" - Comune Camaiore, Eventi, Il piacere dei Libri, Life Style Versiliatoday.it

Antonio Fusco a Giallo d’Amare con “Alla fine del viaggio”

Ultimo interessantissimo appuntamento per Giallo D’A-mare, la rassegna dedicata alla letteratura noir e thriller che saluta con un gran successo anche l’estate 2019.

Sul grande palco allestito in piazza Principe Umberto a Lido di Camaiore (LU) ospite di Giallo d’Amare sarà un gradito ritorno: Antonio Fusco. Lo scrittore presenterà al pubblico il suo ultimo romanzo, il noir dal titolo “Alla fine del viaggio – Solitudine per il commissario Casabona” pubblicato da Giunti Editore.

Sul palco sarà intervistato dal curatore e ideatore della rassegna, Giuseppe Previti. Con loro sul palco ci sarà anche l’attrice Sandra Tedeschi che leggerà alcuni interessanti brani del libro. L’appuntamento è per venerdì 30 agosto in piazza Principe Umberto a Lido di Camaiore con inizio alle ore 21.30, ad ingresso gratuito.

Giallo d’Amare è organizzato dall’associazione albergatori, balneari e commercianti di Lido di Camaiore (ABC) con il Patrocinio del Comune di Camaiore e il contributo di diversi sponsor: Fondazione Banca del Monte di Lucca, SunCar concessionario, Etruria Luce e Gas, s.a. Monselesan gruppo assicurativo, Nicola Biagi e Coop Città di Lucca.

Antonio Fusco, Alla fine del viaggio – la trama

Con le sue inconfondibili atmosfere noir e i suoi personaggi ricchi di umanità, Antonio Fusco ci regala una storia dai risvolti oscuri e spiazzanti.

«Restituirò tutto alla fine del viaggio, gli sguardi distratti che si lasciarono sfuggire l’essenza delle cose, le parole taciute che non diventeranno mai un ricordo. Restituirò l’orgoglio che mi impedì di tornare e la coerenza che nascose tutte le altre strade che avrei potuto percorrere. Restituirò le opportunità mancate come i biglietti non spesi e non ci sarà rimborso perché tutto va sempre in pari alla fine del viaggio.»

È la vigilia del palio di San Jacopo nella cittadina toscana di Valdenza, ma il commissario Casabona non è in vena di festeggiamenti: mentre sui tetti del centro storico esplodono i fuochi d’artificio, la moglie gli annuncia che sta per andarsene di casa. Un duro colpo per il commissario, che nonostante i problemi con Francesca non aveva mai pensato che il loro legame potesse davvero spezzarsi. Nemmeno il tempo di piangere la fine del suo matrimonio, che una telefonata lo richiama immediatamente al dovere: un uomo è stato ucciso da un treno in corsa. Un fatale incidente? Tutt’altro, visto che la vittima è stata legata a una sedia a rotelle e lasciata sui binari. Chi è quell’uomo che nessuno riesce a identificare? Perché l’assassino ha scelto un’esecuzione così plateale? Ed è solo una coincidenza che qualche anno prima, nello stesso luogo, un ragazzo sia stato travolto da un treno? Nella solitudine della sua casa ormai vuota, Casabona è tormentato dai dubbi. E mentre i primi indizi portano sulla strada della pedofilia, nuove morti inspiegabili arrivano a spazzare via ogni certezza. Come se ci fosse una regia occulta a spostare le pedine in campo. Qualcuno assetato di sangue e di vendetta. Qualcuno che viene dal passato, per regolare tutti i conti in sospeso…

(Visitato 140 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 29-08-2019 9:14