E’ stata eseguita nella tarda serata di ieri l’autopsia sul corpo della donna morta dopo essere caduta dal balcone della sua abitazione a Torre del Lago. Il medico legale dottor Stefano Pierotti, incaricato dalla Procura di Lucca, ancora non si sbilancia sugli esiti dell’esame autoptico: “Dovrò eseguire altri accertamenti”. I segni della caduta, dopo un mese e mezzo, erano comunque ancora riscontrabili: quello che l’anatomopatologo ha rilevato sono infatti fratture multiple. Il pm Antonio Mariotti, nonostante le relazioni dei Carabinieri intervenuti sul posto nell’immediatezza dei fatti che hanno ipotizzato che la donna si fosse buttata di sotto volontariamente, intende far chiarezza su presunti e pregressi maltramenti e sull’eventualità che sia stato il marito a spingerla, iscrivendolo nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio. “Ho piena fiducia nella magistratura – afferma il legale dell’indagato, avvocato Gianmarco Romanini -: “L’iscrizione nel registro degli indagati è infatti un atto dovuto”.

(Visitato 1.655 volte, 1 visite oggi)

Trema la costa toscana, scossa di terremoto nella notte: epicentro in mare

Affitti in nero, scoperta in Versilia evasione fiscale per oltre 3 milioni di euro