"Servizi scolastici non per tutti", la denuncia dell'opposizione di Massarosa - Politica Massarosa Versiliatoday.it

“Servizi scolastici non per tutti”, la denuncia dell’opposizione di Massarosa

“Servizi scolastici  non per tutti”.

Lo scrivono in una nota il PD, Sinistra Comune, Massarosa Domani e Massarosa Futuro.

“In questi giorni siamo venuti a conoscenza del fatto che alcuni bimbi iscritti alle scuole del nostro territorio, non hanno potuto usufruire del servizio scuolabus e/o del servizio mensa.

Sicuramente per tante famiglie non è sempre semplice riuscire a pagare tutte le imposte e le tasse, sostenere tutte le spese ordinarie che appesantiscono le entrate, talvolta minime, di un nucleo; e soprattutto quando quel nucleo è composto da più figli. Può succedere di aver usufruito di sconti e/o esenzioni comunali, ma che esista comunque una morosità che, chiaramente, deve essere sanata.

Ma, a farne le spese, non devono certo essere i bimbi: le eventuali colpe dei genitori non devono ricadere su di loro.

Non sappiamo precisamente il numero, tra l’altro ininfluente data la gravità assoluta, ma sappiamo che qualcuno, bimbo o ragazzo, si è visto negato il pasto a scuola e/o il trasporto con lo scuolabus. E questo perché la famiglia ha un debito verso il Comune.

Sicuramente l’Ente deve perseguire in maniera determinata i morosi e, come sempre si è impegnato ed ha agito nei 10  anni passati  in ossequio al principio per cui le tasse devono essere onorate, deve utilizzare tutti gli strumenti possibili e tutte le dovute sinergie per sostenere le famiglie a sanare, nei tempi e nei modi appropriati, i debiti.

Ma i bimbi non devono subire questa ingiustizia: non poter prendere lo scuolabus sempre puntualmente usato e/o non poter usufruire della mensa, tra l’altro considerata tempo scuola e quindi momento di ulteriore socializzazione, con lo stupore e l’ingenua incredulità dei compagni nonostante lo sforzo degli insegnanti per cercare di ridurre il più possibile il disagio, è una sofferenza indegna.

Questa modalità la riteniamo del tutto sbagliata e non capiamo come possa essere attuata dal momento che non è prevista nel relativo Regolamento.

Questi bimbi sicuramente già in difficoltà per lo stato sociale ed economico vissuto all’interno del nucleo, molto probabilmente anche in carico e conosciuto ai Servizi Sociali Territoriali e quindi già deprivati di tante cose, hanno tutto il diritto di essere uguali agli altri.

Per tutti questi motivi le forze di opposizione di Massarosa firmatarie del presente comunicato inoltreranno una interrogazione comunale  al Sindaco e agli Assessori di riferimento (Sociale e Pubblica Istruzione) oltre che al Presidente del Consiglio perché riferiscano i fatti e le motivazioni di questa nuova modalità  in sede di Consiglio stesso”.

La notizia è stata smentita dal Comune di Massarosa

(Visitato 253 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 29-10-2019 6:22