Un pool di legali per la difesa di Gianluca Pantaleoni, il vice ispettore della Polstrada, ex comandante ad interim a Viareggio e sindacalista,  arrestato due settimane fa dalla Squadra Mobile di Pistoia, All’ avvocato Cristiano Baroni, si sono aggiunti gli avvocati Riccardo Carloni e Gian Marco Romanini, nominati di recente da Pantaleoni come codifensori nel procedimento che lo ha visto finire in cella con pesanti accuse (corruzione per asservimento della funzione, truffa aggravata, anche ai danni dello Stato, circonvenzione di incapace, traffico di influenze illecite, riciclaggio e autoriciclaggio). E’ di questa mattina la visita del’avvocato Carloni in carcere, a Sollicciano, dove il poliziotto – al momento sospeso dalla sua funzione con un procedimento disciplinare  – era stato trasferito la scorsa settimana da Pistoia, per incompatibilità territoriale, e dopo che il gip aveva respinto la richiesta di domiciliari, per pericolo di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato. “L’ho trovato molto giù, sofferente, consapevole della sua ludopatia – ha spiegato al termine del colloquio con il suo assistito il legale viareggino: “Abbiamo presentato richiesta di nuovo interrogatorio con il pubblico ministero di Pistoia, dottor Leonardo De Gaudio, titolare del fascicolo di inchiesta, e il magistrato ascolterà Pantaleoni venerdi mattina a Firenze, nell’istituto penitenziario dove è attualmente detenuto”. “Il nostro cliente – ha concluso l’avvocato Carloni – intende chiarire alcuni aspetti della vicenda”.

(Visitato 886 volte, 1 visite oggi)

Grave lutto per l’avvocato Romanini, l’amato babbo (ex dirigente del Comune di Viareggio) si è spento alle Barbantini

Depositate le motivazioni della sentenza di appello: “La strage di Viareggio poteva essere evitata”