"In difesa della scuola pubblica" - Politica Versiliatoday.it

“In difesa della scuola pubblica”

Il “Comitato 22 Marzo per la difesa della Scuola Pubblica” – costituito a Viareggio il 22 marzo 2019 per lottare contro ogni ipotesi di regionalizzazione – aderisce alla settimana di mobilitazione contro ogni progetto di autonomia differenziata lanciata in tutta Italia dal “Comitato Nazionale per il ritiro di qualunque Autonomia differenziata”, promuovendo in Versilia una campagna di informazione che è iniziata giovedì 16 gennaio, con un volantinaggio al mercato di Viareggio, e che continuerà con altre azioni nelle prossime settimane fino all’assemblea pubblica contro l’autonomia differenziata che si terrà venerdì 7 febbraio alle 17.30, nella sala della circoscrizione Marco Polo a Viareggio (in via L.Repaci).

 

La campagna nazionale si terrà, dal 14 al 21 gennaio, con presidi e volantinaggi di protesta in tutta Italia: da Bologna a Catania, da Torino a Bari, da Padova a Roma, da Pavia a Napoli, da Salerno a Potenza, da Viareggio a Pisa, passando per tante città di tutto il territorio. A partecipare sono associazioni, comitati e gruppi uniti nel rigetto dell’Autonomia differenziata e del relativo disegno di Legge quadro che il governo (con il Ministro Boccia), ha presentato a inizio novembre, al fine di accelerare l’attuazione del processo di regionalizzazione.

 

La situazione che stiamo vivendo è infatti molto grave, pur nella disattenzione dei media e dell’opinione pubblica che non è sufficientemente informata su quanto sta avvenendo. L’attuale governo, come i precedenti (quello Lega–5 Stelle e quello Gentiloni del PD), intende attribuire alle regioni moltissime competenze legislative oggi dello Stato (e per questo uguali dal nord al sud del paese):  istruzione, sanità, trasporti, servizi, ambiente, tutela della salute, contratti di lavoro e altre.

Diverse regioni (Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte), ma altre potrebbero seguire, hanno già chiesto questa autonomia, come pure la possibilità di gestire in proprio i fondi legati a ciascuna materia. Se il progetto si dovesse realizzare, sarebbe molto difficile tornare indietro e potremmo avere tante piccole Italie divise e in lotta tra di loro e le diseguaglianze aumenterebbero, mente si ridurrebbero i diritti di cittadini e lavoratori. La propaganda racconta che ci sarebbero più risorse e qualità nei territori.  Ma chi dice questo sono gli stessi politici che hanno attaccato contratti, servizi, diritti.

Concretamente, con l’autonomia differenziata non ci sarebbero più i contratti collettivi nazionali di lavoro a tutelare i diritti di chi lavora, con aumento della precarietà e riduzione dei diritti; le regioni avrebbero la possibilità di sostituire progressivamente la sanità pubblica con la sanità privata attraverso fondi integrativi e polizze assicurative (come negli Stati Uniti); ogni regione “governerebbe” le sue scuole con programmi e titoli di studio regionalizzati, con personale con contratti regionali; rispetto alle politiche ambientali la frammentazione della normativa e la deregolamentazione avrebbero conseguenze drammatiche sul territorio, sull’ambiente, sull’inquinamento, sulle bonifiche e sulla salute dei cittadini.

La “Legge quadro”, presentata dall’attuale governo, presentata come lo strumento che dovrebbe inquadrare l’Autonomia differenziata permettendo la salvaguardia del principio di coesione nazionale e di solidarietà, in realtà apre proprio la strada alla differenziazione e alla frantumazione dei diritti e delle conquiste, a legislazioni differenti in ogni campo (dalla scuola alla sanità, dai contratti collettivi alle infrastrutture, dai trasporti all’ambiente…) e quindi prospetta scenari inquietanti di messa in concorrenza e tensione tra le Regioni, con possibili sviluppi gravi e drammatici per l’unità della Repubblica.

Per questo gli aderenti alla mobilitazione chiedono la cancellazione della Legge Quadro e il ritiro di qualunque autonomia differenziata e chiedono che i cittadini, le lavoratrici e i lavoratori siano correttamente informati sulle conseguenze devastanti di un provvedimento da cui poi sarebbe molto difficile tornare indietro.

(Visitato 100 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 16-01-2020 16:19