Tre anni in carcere per rapina ad un anziano, ma era innocente . Scagionato dalla ex compagna del vero autore - Cronaca Viareggio Versiliatoday.it

Tre anni in carcere per rapina ad un anziano, ma era innocente . Scagionato dalla ex compagna del vero autore

Tre anni in carcere per rapina ad un anziano, ma era innocente . Scagionato dalla ex compagna del vero autore
Accusato di aver rapinato un anziano minacciandolo con un’ascia e un coltello, si è fatto tre anni di carcere. Ma era innocente: la notte della rapina era a casa a dormire. E’ la vicenda di un tunisino condannato a Firenze e che ora è tornato libero, solo grazie al lavoro del suo avvocato e di un ispettore di polizia.
La sua storia è raccontata sulla ‘Nazione’. Il 7 settembre del 2011 l’uomo si trovava in un bar della stazione per prendere un caffè prima di andare al lavoro. Lì viene individuato da un anziano che, dopo averlo fissato a lungo, chiamò la polizia.
Munir, questo il nome del tunisino, venne identificato e denunciato poichè secondo il racconto dell’anziano era uno dei due giovani che, qualche ora prima lo avevano rapinato del portafoglio con un’ascia e un coltello. “Ero sotto choc – racconta oggi Mounir, arrivato a Viareggio dalla Tunisia quando aveva 20 anni e che nel tempo aveva messo su una sua ditta edile e aveva trovato una compagna – mi sembrava tutto assurdo. Alle 3 di notte ero a dormire con la mia compagna, nelle immagini delle telecamere della stazione io non comparivo a quell’ora, pensavo ad un equivoco che si sarebbe chiarito”.
Purtroppo però non è andata così. Munir, scrive ancora il quotidiano, viene condannato in primo grado il 30 maggio 2012 a 4 anni e otto mesi, senza che “contro di me ci fosse un minimo riscontro”. Due anni dopo, il 27 giugno 2014, la Corte di appello di Firenze conferma la sentenza di primo grado. E la stessa cosa accade altri due anni dopo, il 7 aprile 2016, in Cassazione. A quel punto per Munir si aprono le porte del carcere, dove rimane fino a novembre 2019 quando gli vengono concessi i domiciliari.
Ma grazie al suo avvocato, e ad un ispettore di polizia, le cose vanno finalmente nel verso giusto. I due riescono a rintracciare in Germania una donna, che ai tempi della rapina era la compagna del vero autore della rapina e che nel frattempo era stato arrestato sempre per lo stesso reato commesso a Viareggio. La donna ha confermato così l’estraneità di Mounir. A quel punto la Cassazione ha disposto la revisione del processo, che si è tenuto a Genova e che si è concluso con la riabilitazione dell’uomo.

(Visitato 201 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 24-01-2020 12:03