Circolazione stradale, la Lega incontra il Prefetto - Politica Versiliatoday.it

Circolazione stradale, la Lega incontra il Prefetto

La scorsa settimana i capigruppo della Lega dei tre comuni più grandi della provincia hanno incontrato il Prefetto di Lucca Dott. Francesco Esposito per fare il punto della situazione sul tema caldissimo della circolazione stradale che è al centro del dibattito nazionale, regionale e locale di questo inizio 2020 e che ha visto non solo la sottoscrizione dell’accordo quadro intercorso fra Ministero dell’Interno ed Anci ma altresì un focus proprio in Prefettura a Lucca lo scorso 17 gennaio a cui hanno fatto seguito indicazioni ben precise a tutti i Sindaci della provincia ed incontri dello stesso rappresentante del Governo con i dirigenti scolastici.

Così intervengono Massimiliano Baldini in qualità di Responsabile Enti Locali Provinciale della Lega e Capogruppo di Viareggio, Giovanni Minniti Capogruppo del Carroccio a Lucca e Salvadore Bartolomei Capogruppo a Capannori oltre che rappresentante in Anci del medesimo partito.
Proprio le aree della Versilia e della Piana di Lucca rappresentano i territori con maggiore incidenza di incidenti con lesioni e se rispetto all’anno precedente nel 2019 si è registrato un calo del 9,18% (1741 totali e 176 incidenti in meno) preoccupa non poco l’aumento dei decessi da 22 a 28 con un incremento del 27,27%.

“Un tema, quello dei decessi – continuano i capigruppo leghisti – che proprio in questi giorni ha visto un drammatico rilancio statistico anche sul piano dei pedoni uccisi a gennaio 2020 in Italia che, come dice Asaps (associazione amici della Polizia Stradale), sono ben 46, un morto ogni 16 ore, uccisi in ben 19 casi da investitori ubriachi, drogati o pirati della strada e che proprio a Viareggio, in Versilia, ha visto un notevole clamore dell’opinione pubblica per la donna uccisa al Varignano, pochi giorni fa, mentre attraversava una delle strade principali del quartiere sulle strisce, in concomitanza di illuminazione non funzionante e automobilista risultato positivo ai test antidroga già nel pomeriggio.
E purtroppo, rimanendo sul nostro territorio, proprio la Provincia di Lucca, se si esclude la città metropolitana di Firenze, risulta la provincia toscana con maggior numero di incidenti con feriti, con Viareggio e Lucca che sommano da soli quasi la metà dei sinistri dell’intero territorio provinciale e con la guida sotto effetto di alcol e droga, la distrazione per utilizzo si smartphone ed alta velocità come cause più diffuse.
Il Prefetto ha rassicurato gli esponenti del partito di Matteo Salvini che seppure Lucca è uno dei pochi capoluoghi toscani non rientranti nella fase di prima applicazione dell’accordo intercorso fra Ministero dell’Interno ed Anci sul coordinamento nei comuni capoluogo fra Polizia Stradale e Polizia Municipale che inizialmente interesserà solo i comuni che dispongono già di un servizio di polizia locale h24 e quelli che superano i 100.000 abitanti, ha provveduto lui stesso a scrivere ai Sindaci per sollecitare la programmazione dei servizi di polizia locale nei centri abitati in aggiunta a quelli assicurati dalle Forze di Polizia Statale sulla scorta delle analisi dell’osservatorio sull’incidentalità stradale e potenziare l’attività di controllo e di vigilanza proprio come indicato dall’accordo Ministero-Anci.
I rappresentanti della Lega Baldini, Minniti e Bartolomei hanno chiesto particolare attenzione verso la cura e la manutenzione delle strade, con particolare riferimento all’illuminazione dei punti più critici nonchè ai servizi di controllo e contrasto verso coloro che si pongono alla guida ubriachi o drogati ed alla prevenzione del fenomeno mediante l’informazione dei più giovani.
Il Prefetto di Lucca ci ha rassicurato informandoci che proprio la Prefettura si occuperà direttamente del tema dell’educazione stradale nelle scuole e che ha altresì incontrato i dirigenti scolastici per parlare dell’uso delle sostanze stupefacenti da parte dei più giovani.
La Lega – concludono i Capigruppo di Lucca, Viareggio e Capannori – che ha fortemente voluto il ritorno dell’educazione civica nelle scuole, monitorerà costantemente questa tematica così importante anche sul versante dell’informazione nell’educazione stradale e lo farà in modo capillare attraverso i propri rappresentanti eletti in tutti i comuni della provincia, dai più piccoli ai più grandi”.

(Visitato 57 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 03-02-2020 17:00