Omicidio stradale in Darsena, rito abbreviato a maggio per Anthony Caturano - Cronaca Viareggio, Top news Versiliatoday.it

Omicidio stradale in Darsena, rito abbreviato a maggio per Anthony Caturano

Rito abbreviato a porte chiuse, in Camera di Consiglio, come prevede il codice di procedura penale – con la riduzione di un terzo della pena in caso di condanna – e rinvio al prossimo 15 maggio alle 10.30 per Anthony Caturano, difeso dagli avvocati Fabrizio Miracolo e Roberto Cappa. Lo ha deciso il gup Nerucci.  Il giovane, accusato di omicidio stradale, fu arrestato dai Carabinieri dopo essere fuggito. Uno dei due ragazzi travolti nella notte dell’8 febbraio di due anni sul “vialone” da un’auto pirata, Andrea Lucchesi, era è morto appena salito sul Pegaso per essere trasferito a Livorno dall’ospedale “Versilia”. L’altro ragazzo, Fabio Biagini, del 93, era invece stato ricoverato al nosocomio labronico dove dopo una tac fu sottoposto un delicato intervento neurochirurgico.

Il 25enne, incensurato, Anthony Caturano, trovato nella sua abitazione la mattina alle 6.30, era finito in manette,  accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso, a cui si erano aggiunti reati di guida in stato di ebrezza e sotto effetto di sostanze psicotrope. Il ragazzo aveva infatti un tasso alcolemico pari a 1.10 ed era risultato positivo alla cannabis.   Il pm di turno, dottor Salvatore Giannino, ne aveva disposto la custodia cautelare in carcere.

Quella che doveva essere una serata di divertimento, passata tra le feste notturne di Carnevale nei tanti locali della marina di levante a Viareggio, si era trasformata, purtroppo, in una tragedia. I due giovani stavano tornando alla loro auto quando erano stati travolti. A perdere la vita era stato il 21enne luccese, che era in fin di vita appena arrivato al pronto soccorso. Le sue condizioni erano poi ultreriormente precipitate appena fatto salire sull’elicosoccorso atterrato al “Versilia”: il suo cuore aveva cessato di battere in fase di decollo del Pegaso che lo avrebbe dovuto portare nel reparto di neurochirurgia di Livorno. Un viaggio della speranza che  non fu mai inziato.

Questa mattina, nel corridoio del tribunale a Lucca, i genitori di Caturano e quelli della vittima, Lucchesi,  tutelati dall’avvocatessa Cristiana Francesconi, si sono abbracciati.

(Visitato 740 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 21-02-2020 13:19