Rolando, uno dei simboli di via Ponchielli, ci ha lasciato
Rolando Pellegrini, 82 anni, abitava in via Amilcare Ponchielli, luogo della strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009. Rolando era malato da tempo ma, sin tanto ha potuto, è stato presente alle udienze e alle iniziative.
Quella notte, alle ore 23.49 del 29 giugno, fece la cosa giusta per lui e sua moglie, Marcella. Non uscì dalla porta che dava sulla strada, ma si precipitò dalla parte opposta e riuscì a salvarsi in modo rocambolesco con sua moglie operata da poco alla gamba.
Rolando, nell’ottobre del 2001 (otto anni prima!) aveva promosso una petizione per un muro, per una barriera, di protezione alle case degli abitanti di via Ponchielli; tra quelle firme ve ne sono di chi ha poi perso la vita quella notte. Rolando è stato un testimone della strage ed ha testimoniato anche al processo; quando non poteva essere presente telefonava quasi per scusarsi; ha sempre avuto parole e gesti di affetto verso i familiari delle 32 Vittime e dei feriti gravissimi.
Una persona vera, da ricordare e far conoscere a chi non ha avuto questo piacere.
Ciao Rolando, il pensiero giusto sarà ricordarti tutti assieme, quanto prima, come sicuramente avrebbe fatto piacere anche a te.
(Visitato 2.364 volte, 2 visite oggi)
TAG:
lutto rolando pellegrini strage di viareggio viareggio

ultimo aggiornamento: 14-04-2020


Buoni spesa, stop alle richieste: l’ufficio procede alla valutazione delle domande fino ad esaurimento

Chiazza oleosa in porto a Viareggio, ancora non chiara l’origine dello sversamento