Tutti aperti, ma solo per protestare contro la mancata possibilità di ricominciare a lavorare con la fase 2 dell’emergenza coronavirus. Iniziativa targata Confcommercio.

Anche gli stabilimenti balneari dell’intera Versilia domani mattina (4 maggio) resteranno aperti per una sola ora, alle 10.30 del mattino, in segno di protesta e per sensibilizzare le amministrazioni sul problema ancora non risolto per i bagni e le attività ricettive.

A presidiare le spiagge da Viareggio a Forte dei Marmi, passando per Lido di Camaiore e Marina di Pietrasanta, sarà un solo rappresentante di ogni stabilimento balneare. Un flash mob simbolico in cui ogni operatore turistico si troverà da solo in spiaggia con la tipica maglietta da salvataggio, il salvagente e la mascherina a protezione di bocca e naso.

“Mentre Confesercenti andrà a consegnare tutte le chiavi delle attività commerciali in Municipio – spiega il presidente dei balneari di Lido Marco Daddio – tutti i bagni della Versilia avvieranno questa simbolica protesta”.

Il motivo è simile a quello che muove i commercianti in questi giorni: con la fase due che sarà avviata il 4 maggio, agli stabilimenti balneari non viene concessa la possibilità di avviare l’attività, con la stagione ormai già iniziata. “Ma al momento – spiega Daddio – non abbiamo nessuna certezza neanche su quando potremo riaprire, né su quali condizioni o accorgimenti dovremmo seguire. Una estrema incertezza che sta trasformando questa pandemia sanitaria in una vera e propria emergenza sociale ed economica”.

Le imprese del turismo versiliese chiedono chiundi di poter riaprire il prima possibile, garantendo ovviamente di rispettare tutte le norme di sicurezza sanitaria e di distanziamento sociale.

(Visitato 4.926 volte, 1 visite oggi)
TAG:
balneri fase 2 Slider stabilimenti balneari versilia viareggio

ultimo aggiornamento: 03-05-2020


Fase 2, Confesercenti: “Siamo oltre il baratro”. Chiavi dei negozi e protocolli di sicurezza ai sindaci

Coronavirus, da domani riprende la normale attività sanitaria in Toscana: firmata l’ordinanza