I Militari della Stazione Carabinieri forestale di San Casciano in Val di Pesa, a seguito della segnalazione da parte della Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana, si recavano in località San Pancrazio, nel Comune di San Casciano Val di Pesa, accertando che una persona, contravvenendo alle disposizioni impartite con ordinanza regionale, che vietava l’abbruciamento di residui vegetali derivanti da attività agricole, aveva acceso un fuoco per bruciare i residui di potatura di una vigna, causando un incendio boschivo per una estensione di quattrocento metri quadrati di cespugliato, confinante con il bosco.

Per lo spegnimento è dovuta intervenire una squadra di volontari antincendio boschivo, il cui tempestivo operato ha evitato che il fuoco si propagasse al bosco limitrofo, con conseguenze sicuramente gravi per l’ecosistema.

(Visitato 157 volte, 1 visite oggi)

Incendio boschivo, incastrato dalle telecamere il responsabile

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile arrestano un macedone e denunciano un sardo