I Carabinieri della Stazione di Greve in Chianti, ieri sera, hanno deferito in stato di libertà 2 albanesi, padre e figlio (L.G. classe ’64 e L.E. classe ’90), poiché resisi responsabili, rispettivamente, di furto aggravato e detenzione abusiva di munizionamento.
I militari, subito dopo aver ricevuto la denuncia per furto aggravato perpetrato la notte prima ai danni di un locale negozio di vendita di mangimi e prodotti agricoli, hanno identificato il ladro, tramite la visione delle immagini di videosorveglianza, nel 56enne, albanese incensurato e residente nel comune chiantigiano.
I Carabinieri, quindi, hanno immediatamente svolto una perquisizione domiciliare alla ricerca della refurtiva, rinvenendo, presso un campo agricolo in uso al prevenuto:
– n.24 barattoli di cibo per cani da 405 g ciascuno;
– n.52 piantine di insalata.
Oltre a quanto sopra, contestualmente restituito al proprietario del negozio, i militari hanno rinvenuto e sequestrato a carico del figlio 30enne un cospicuo quantitativo di munizioni, circa 430 cartucce, illecitamente detenuto presso la propria abitazione.

(Visitato 117 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carabinieri greve in chianti

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


Due domestici filippini derubavano i propri datori di lavoro, i Carabinieri li denunciano per furto aggravato in concorso

Tentato furto in abitazione e droga, due in manette