Riprende in tutta Italia il furto dei cani di razza di piccola taglia, per il momento le segnalazioni provengono prevalentemente dalle grandi città del centro-sud Italia, ecco di conseguenza una serie di consigli  degli esperti dell’ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA su come evitare che vi rubino il cane. 

1 – CANE RUBATO IN AUTO

E’ il crimine più frequente, infatti lasciare il cane chiuso in automobile oltre ad essere un gesto di inciviltà e che può provocare danni alla salute dell’animale risulta essere uno dei metodi preferiti dai ladri di cane per rubare o rapire fido, aprire l’auto infatti è facile, e più facile ancora portarsi via un cane allettandolo magari con una ciotola di acqua fresca o del buon cibo.

2 – CANE RUBATO IN GIARDINO

Purtroppo non mancano i furti dei cani nel giardino di casa, spesso i cani incustoditi possono essere rubati dopo essere stati addormentati, spesso il furto del cane è nel caso specifico il preludio ad altri gravi reati contro il patrimonio domestico.

3 – CANE RUBATO MENTRE STA AL GUINZAGLIO O LEGATO

Mai legare il cane con il guinzaglio fuori da un esercizio pubblico, da un negozio e da un ufficio dove non si può introdurre l’animale (anche se con la nuova legge è possibile portare con se fido quasi ovunque). Il cane lasciato solo è una manna per i ladri

4 – CANE RUBATO MENTRE GIRA SENZA GUINZAGLIO

Avviene prevalentemente nei parchi pubblici, dove i ladri prendono di mira delle specifiche razze, quindi mai lasciare circolare il cane senza guinzaglio nelle aree pubbliche e nei parchi, se non nelle apposite aree cani, i cani rubati nei parchi mentre sono in giro senza guinzaglio sono i furti più frequenti al pari di quelli lasciati in auto incustoditi.

5 – CANI DI RAZZA SPECIALESono i cani di razza, quelli che vengono presi di mira, sia di razza pregiata destinati all’accoppiamento che di razza appartenenti a quelle che una volta venivano chiamate le razze pericolose che vengono rapiti per essere addestrati (o per far da cavia) ai combattimenti clandestini. Occorre fare molta attenzione a questi cani compresi quelli da caccia di razza pregiata, mai lasciarli in capanni soli, ma custodirli con la massima cura.

(Visitato 830 volte, 1 visite oggi)

Lyssavirus e rabbia, facciamo chiarezza col veterinario Alessandro Bianchi

Animali: “Se mi lasci non vali”, campagna del comune di Pietrasanta contro gli abbandoni. Spiagge e strutture sono pet-friendly: chi abbandona non è benvenuto