"Basta divisioni e guerre intestine: portiamo alle urne un centro-sinistra unito" - Politica Viareggio Versiliatoday.it

“Basta divisioni e guerre intestine: portiamo alle urne un centro-sinistra unito”

Basta divisioni e guerre intestine: portiamo alle urne un centro-sinistra unito”.

E’ l’appello di Samuele Borrini, Segretario GD Versilia e Giovani Democratici di Viareggio.

“Su Viareggio rischiamo di fare un favore alla destra. Nell’epopea degli articoli di giornale, dichiarazioni, posizionamenti e frecciate vecchie e nuove stiamo perdendo di vista il ruolo e il fine della Politica fatta per la comunità e il territorio.

Il nostro campo del centro-sinistra continua ad essere tirato e lacerato da egoismi e particolarismi, complice anche un PD Viareggino commissariato, che da un lato allontanano le persone, le idee e il lavoro per Viareggio, permettendo l’avvilupparsi di un circolo vizioso che divide anziché unire; e dall’altro presta il fianco a una destra che nei tanti giri di valzer ha saputo, per convenienza e opportunità, unirsi in un’unica coalizione.

Eppure non ci mancano le idee, i valori e i buoni propositi. Siamo al governo del Paese e della Regione e dovremmo avere anche l’ambizione, similmente, di farci carico dell’onere del governo sia a Viareggio che in Versilia, per dare risposte ai cittadini e al territorio, come abbiamo già fatto in passato e di recente. Basti pensare all’opposizione seria e propositiva che come PD abbiamo portato avanti in consiglio comunale, partecipando anche alla realizzazione del nuovo Regolamento Urbanistico per la città in sostituzione del precedente, vecchio ormai di oltre due decadi, a cui abbiamo dato un importante contributo.

Ci poniamo tutti nel solco dell’ecologia, del progressismo e della democrazia e dovremmo batterci per la tutela del mondo del lavoro, per lo sviluppo di un tessuto imprenditoriale e sociale forte e solidale, con un’attenzione all’ambiente, alla mobilità dolce, ai giovani e alle pesanti sfide che saremo tutti chiamati ad affrontare oggi e domani. Sfide e bisogni che l’attuale pandemia ha aggravato e che continuerà ad aggravare facendo sentire il suo pesante fardello su un tessuto sociale indebolito e un’economia fragile.

In questo contesto abbiamo il dovere etico e morale di essere uniti, lavorare attorno a un programma per la città del domani, portando avanti i nostri valori e una visione ampia per mettere in primo piano Viareggio e la Versilia. Tutti i partiti del centrosinistra sostengono Eugenio Giani alla presidenza della Regione Toscana e similmente sosteniamo il Governo Conte con una coalizione ampia assieme ai 5 Stelle che sta affrontando una situazione inimmaginabile fino a poco tempo fa e che ha saputo condurre uno storico negoziato sul Recovery Plan a livello europeo.

In tutti questi livelli dobbiamo avere la forza di affrontare una destra che, tanto in regione quanto a Viareggio, intende “liberarci” anche se non si sa bene da cosa. Una destra sempre meno moderata e partecipe di un gioco democratico che si trascina avanti senza porre alternative programmatiche o un piano per il futuro della città, unita meramente per opportunità elettorale nell’ottica di “conquistare” un altro tassello da gettare nella loro campagna elettorale permanente.

E da parte nostra non dovremmo cedere a questa logica logorante e fratricida: non si può fermare la destra dividendosi e facendo lotte intestine utili a pochi e lontane dai cittadini.

Se c’è ancora un barlume di speranza portiamo avanti un centro-sinistra unito in grado di dare risposte serie e di proseguire la sua azione amministrativa per Viareggio, la Versilia e la Toscana”.

(Visitato 540 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 23-07-2020 13:59