Doppio arresto per la volante di Viareggio.
Nella serata di ieri, 24 agosto, gli uomini del Commissariato di Viareggio sono stati impegnati su due interventi causati da due cittadini marocchini, irregolari e senza fissa dimora.
Il primo, A.O. di 35 anni, ubriaco e molesto, impediva l’ingresso in casa di una signora che chiamava in aiuto il 113. All’arrivo degli operatori lo straniero inveiva e opponeva resistenza, e negli uffici del Commissariato danneggiava alcune strutture. Lo stesso risultava anche aver violato le norme sull’affidamento in prova, cui era sottoposto.
Subito dopo aver riportato l’uomo alla calma, arrivava al 113 un’altra richiesta di aiuto, per uno straniero molesto nella pineta di ponente. Gli operatori della volante procedevano al controllo di E.F.M, marocchino di 31 anni, irregolare e senza fissa dimora, con addosso diversi telefoni cellulari risultati rubati, pochi giorni fa, sempre a Viareggio.
Durante l’accompagnamento presso gli Uffici del Commissariato, lo straniero opponeva resistenza, ostacolando gli operatori anche per la salita sul veicolo di servizio, all’interno del quale riusciva a strappare una delle manette in dotazione al veicolo e con la stessa colpiva l’abitacolo, danneggiando le plastiche.
In Commissariato l’uomo, esagitato, danneggiava anche alcune strutture interne.
Entrambi denunciati in stato di libertà per danneggiamento, venivano arrestati per resistenza e, il E.F.M, anche per ricettazione. In capo a quest’ultimo pendeva, altresì, un ordine di carcerazione con contestuale sospensione.
Nella mattinata odierna sono stati accompagnati presso il Tribunale di Lucca per il giudizio direttissimo.

(Visitato 1.413 volte, 1 visite oggi)

Fermato e multato durante il lockdown, si rivolge all’avvocato Romanini: il Prefetto annulla la sanzione

Inseguimento in A12, bloccato dalla Polstrada aggredisce gli agenti