Andrea Alessio Orsi, candidato al consiglio comunale nella lista “ Per la nostra terra Viareggio e Torre del Lago e Partite I.V.A.” a sostegno della candidata a sindaco Barbara Paci, vuole sottolineare alcuni aspetti relativi alla manutenzione del belvedere e del lungolago a Torre del Lago Puccini.

“ Il territorio nel quale viviamo è splendido ed offre diverse attrazioni, sia naturali che culturali.  Nel corso degli anni le amministrazioni che si sono succedute hanno fatto proclami che non si sono concretizzati. Su questa terra, alla fine del 1800 il Maestro Giacomo Puccini venne ad abitare, vista la sua particolare posizione, che offriva concentrazione ed ispirazione per il lavoro e un ecosistema perfetto per la caccia. Puccini amava questo paese tanto da ritenersi “ affetto da Torrelaghite acuta” e proprio qui ha scritto molte parti delle sue opere. 

Il lago è sempre stato un’attrattiva importante, negli anni ’30 era presente un idroscalo dove arrivavano da tutta Italia per vedere la Versilia dall’alto, addirittura una visita dell’allora re Vittorio Emanuele venne fatta proprio a Torre del Lago. Negli anni ’60 si tenevano gare di sci nautico ed in tempi giù recenti, nei primi anni del 2000, c’era il Dean Benedetti Jazz Festival, cancellato per mancanza di fondi e contributi da parte del comune di Viareggio e dalla provincia di Lucca.
Tante iniziative e possibili attrazioni sono nate sul lago, ma sono scomparse tutte. Lo stesso teatro rischia di diventare una “ cattedrale nel deserto”. Lo stesso belvedere Puccini nel tempo ha cambiato aspetto ed ora è trascurato e lasciato a se stesso. Una riqualificazione del piazzale, magari con il contributo di agronomi, potrebbe ridare sicuramente lustro a tutto il belvedere.
Anche le panchine e lo stesso accesso alla terrazza deve essere rivisto essendo fatiscente e, in alcuni punti non sicuro, come viene confermato dai residenti nella zona. Le attività turistiche devono essere incrementate con, il rilancio di attività di noleggio di pedalò e barche nel periodo estivo per fare un giro sul lago.

Il traffico e gli schiamazzi notturni nel post lockdown sono all’ordine del giorno, si dovrebbe ripristinare in modo serio la ZTL con l’aggiunta di videocamere di controllo dando la possibilità ad alberghi e B&B di poter offrire alla propria clientela dei pass di durata pari al soggiorno come avviene in altre località. L’accesso al belvedere stesso passa accanto ad un gioiello architettonico come Villa Caproni che versa in condizioni pessime da moltissimi anni e il cui restauro, iniziato nel 2006, doveva finire entro il 2008 ma che, come ben possiamo vedere, è ben lontano da essere terminato. Si potrebbe creare in questo posto una vera e propria scuola di musica collegata al Festival Pucciniano con i ragazzi dell’accademia della musica. Un punto di ritrovo e una riqualificazione significativa di una struttura di proprietà della fondazione Puccini. Al tempo stesso quest’area verrebbe utilizzata anche come punto di accesso per le serate dello stesso festival e per poter far sostare le persone in attesa di entrare nel teatro.

Infine, concludo, con una questione annosa, il risanamento del lago. Sono stati presentati molti progetti, ma per ora non è stato fatto molto. Si dovrebbe istituire un tavolo di lavoro su questa problematica ed attuare una vera e propria riqualifica del territorio dove si colloca questa immensa risorsa e bellezza naturale. “

(Visitato 172 volte, 1 visite oggi)

Viareggio a Sinistra, la voce delle donne

Scuola, ecco il programma di Viareggio Democratica