Elezioni e campagna elettorale

“Il livello è basso. Me ne rammarico.
Non uso molto Facebook, lo ammetto.
Anzi, diciamo che non lo uso proprio. L’avevo tolto e l’ho riattivato per noia durante il lockdown.
E vi dirò che, girovagando sulla home, al di là di chi si sia candidato, è bello vedere tanta partecipazione”.

Lo scrive in una nota il candidato della lista blu di Giorgio Del Ghingaro Rodolfo Salemi

“Tanti si sono riscoperti ricchi di idee e competenze politiche ed amministrative alla vigilia delle elezioni ed è positivo: rappresentano tutti un patrimonio che si aggiunge a chiunque venga chiamato ad Amministrare la città nei prossimi anni. Tuttavia, dopo 13 anni di politica, troppi per la mia età, di cui dieci all’interno delle Istituzioni, ho maturato una lieve dimestichezza con alcuni temi propri dell’Ente, non dico competenze, figuratevi, quelle appartengono a quelli bravi bravi, ma ciò che noto su questo social è tanta, ma tanta disinformazione… e si rischia di generare altrettanta confusione.
Non credo che i disinformati agiscano in malafede, ma nuocciono al dibattito.
La retorica, la superficialità, le bugie inconsapevoli non aiutano né l’elettorato al quale ci si rivolge, né Viareggio e Torre del Lago.
Di certo non penso di essere nella posizione di dare lezioni, né di cambiare l’azione dei protagonisti in corso d’opera, né intendo farlo.
Ma nutro l’intima speranza che i nuovi appassionati alla vita amministrativa della città, quando il 22 settembre scopriranno che il metodo d’hondt li avrà esclusi dall’assise comunale, non si disinteressino della cosa pubblica, ma la vivano col medesimo entusiasmo ogni girono.
Così, magari, nel 2025 avremo una campagna elettorale migliore di quella in corso”.

(Visitato 373 volte, 1 visite oggi)

Cristiana Ramacciotti con Bonaceto per l’arte e la cultura

Appuntamento elettorale con i candidati di Progetto Per Viareggio al mercato di Via Capponi