L’idea del “Burlapalio” nasce dall’esigenza di far conoscere ai più giovani le canzoni della tradizione viareggina e carnevalesca, così da poter conservare la nostra tradizione canora (seconda solo a quella partenopea) tra le generazioni future. La proposta si può realizzare tramite una
cooperazione tra la Fondazione Carnevale, i carristi, i cantanti di Viareggio e le scuole del territorio, fondamentali come ben sappiamo per la formazione dei cittadini del domani.

E’ l’idea di Daniele Cammilli e Matilde Lucchesi per “Più democrazia per Viareggio e Torre del Lago” in appoggio al candidato Sandro Bonaceto:

Il “Burlapalio” consisterà in un concorso canoro di un’unica serata destinato ai bambini di 5 anni
delle scuole dell’infanzia e alle scuole primarie. A iscrizione avvenuta verrà sorteggiata da un
pacchetto preselezionato una canzone del passato per ogni scuola che i bambini dovranno
interpretare sul palco. Tutti i partecipanti riceveranno un riconoscimento simbolico, realizzato
magari con la collaborazione dei maestri della cartapesta di Viareggio e, la scuola vincitrice,
riceverà un premio da esporre che, di anno in anno, verrà passato ai prossimi vincitori come un vero
e proprio palio! Inoltre, i bambini della scuola vincitrice potranno cantare sul palco della piazza
Mazzini al termine dell’ultimo corso, durante l’attesa dei verdetti finali del Carnevale.
Con la collaborazione dei cantanti del Carnevale, a fine serata, tutti i bambini partecipanti
canteranno insieme una canzone simbolo della nostra tradizione: impossibile non pensare, ad
esempio, a “Come un coriandolo” di GianLuca Cucchiar o a “Il Carnevale a Viareggio” di Lelio
Maffei e Icilio Sadun.
Per valutare la scuola vincitrice ci sarà un’apposita giuria che attribuirà i punteggi seguendo
differenti criteri, al fine di garantire l’oggettività della valutazione.
Il ricavo della serata (ottenuto grazie all’iscrizione delle scuole e ai biglietti venduti a prezzo
simbolico), dopo aver coperto le spese dell’evento, andrà in beneficenza.
Gli obiettivi principali del “Burlapalio”? Tramandare alle nuove generazioni la tradizione canora
della nostra città attraverso esperienze divertenti e significative e rafforzare la collaborazione tra le
scuole e il Carnevale di Viareggio.

(Visitato 185 volte, 1 visite oggi)

Giuseppe De Stefano lascia il posto alla figlia, candidata con la Paci

Lettera aperta di Lorenzo Tosi a Zingaretti e Delrio