Tra pochi giorni il popolo italiano sarà chiamato ad esprimersi per la quarta volta (2001, 2006, 2016 e 2020), nella storia repubblicana, su un referendum costituzionale, riguardante la riduzione del numero dei parlamentari: dai 630 deputati attuali si passerebbe a 400, e gli attuali 315 senatori scenderebbero a 200.

Una riforma apparentemente semplice e assai limitata ma dalle implicazioni sia sociali (rappresentanza nel Paese) che tecniche (elezioni del Presidente della Repubblica, funzionamento delle Camere e delle Commissioni parlamentari) profonde.

L’ANPI, da subito, in modo pacato ma con fermezza, si è espressa per il “NO”; una decisione ponderata; proprio perché l’ANPI, nelle proprie scelte e soprattutto quando riguardano la Nostra Carta costituzionale, non deve favorire questo o quel partito, o rincorrere i sondaggi del momento.

L’ANPI, purtroppo, in questo disegno di legge costituzionale, intravede una controriforma populista dettata dall’agenda dell’antipolitica che per l’ennesima volta in pochi anni tenterà di stravolgere la Costituzione e la rappresentanza in Italia.

Ormai -da anni- le costituzioni nate all’indomani dalla tragedia della Seconda Guerra Mondiale sono sotto attacco, in quanto troppo spesso viste come una camicia di forza all’efficienza degli esecutivi, al governismo o alle maggioranze di turno, sfavorendo un rapporto diretto con i cittadini; bensì l’antipolitica trova linfa nella ricerca di un consenso plebiscitario!

Si sa, la Nostra Costituzione è una carta rigida, formata da pesi e contrappesi a tutela delle minoranze, volta alla mediazione e alla pluralità della rappresentanza, affinché non si ripeta la dittatura fascista.

Nel caso vincesse il “SI” il rapporto tra eletto ed elettori scenderebbe drasticamente (da 1 a 96.000 a 1 a 151.000) diventando l’Italia -di fatto- il fanalino di coda in Europa; lo stesso spauracchio della riduzione di costi della politica è irrisorio e andrebbe ad incidere dello 0,007% nella spesa pubblica.

Lo stesso Carlo Cottarelli dalle pagine de “La Stampa” del 14 settembre scorso titolava “Il risparmio è modesto: 57 milioni l’anno, il famoso costo di una tazzina di caffè all’anno per italiano”.

Piuttosto, tagliamo gli stipendi e i privilegi dei parlamentari o l’indotto di tecnici e collaboratori dei vari ministeri!!

Riguardo la riduzione dei parlamentari, di cui si parla da decenni, anche il dato storico è nefasto; infatti i deputati sono stati tagliati una sola volta nella storia d’Italia, durante il ventennio fascista, quando nel 1929 i parlamentari passarono da 535 deputati a 400 deputati.

Come affermava Antonio Gramsci la storia non è mai cattiva maestra ha solo cattivi discepoli!!

Inoltre, purtroppo, indipendentemente dai sì e dai no, il Nostro Paese sta attraversando una profonda crisi di democrazia, di partecipazione politica e rappresentanza, almeno per come l’abbiamo conosciuta nel secolo scorso:

– un Parlamento svilito nel suo ruolo e composto da parlamentari slegati dalla società civile;

– la soppressione delle Province, solo per quanto riguarda l’elezione diretta dei propri rappresentanti, mentre l’apparato di competenze e funzioni rimane in piedi;

– Consigli comunali e regionali, troppo spesso, ostaggi di Sindaci e Governatori;

– la chiusura delle Circoscrizioni cittadine e di quartiere, mentre i rispettivi immobili sono in totale degrado ed abbandono;

per non parlare della crisi dei partiti, la non attuazione dell’art.49 della Costituzione, gli organismi scolastici sviliti o la mancanza di democrazia nei luoghi di lavoro, uno dei grandi mali nel Nostro Paese.

Per tutte queste ragioni l’ANPI ha deciso di votare “NO” al quesito referendario proposto il 20 ed 21 settembre, ben consapevoli che anche dopo tale data, ci sarà da fare molto e bene nella difesa e nell’attuazione della Costituzione.

(Visitato 135 volte, 1 visite oggi)

Partito Democratico di Viareggio : “puntare sull’Economia del Mare per generare ricchezza e occupazione”

Una misura ad hoc per agricoltura e florovivaismo, la richiesta di Del Ghingaro a Bellanova