Doppio appuntamento, il 23 settembre, per la rassegna ‘Di Mercoledì – Autori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina’. Saranno, infatti, presentati i libri «L’ultimo rifugio Armageddon» di Piero Solara (edito da Porto Seguro Editore) e «Sangue sugli oleandri – giallo versiliese» di Marco Vannini (edito da Montaonda).

La doppia presentazione, che vedrà protagonisti gli autori, avrà inizio, come di consueto, alle 17 ed è a ingresso libero, fino al raggiungimento della capienza massima della sala, determinata secondo le norme anti-Covid.

«L’ultimo rifugio Armageddon» parla di una crisi di surriscaldamento che mette in ginocchio la produzione mondiale di alimenti, durante la quale, un gruppo di scienziati e di artisti si ritira in un antico palazzo fiorentino con l’obiettivo di sopravvivere alla crisi del pianeta e salvare la cultura. 

L’autore, Piero Dolara (1944), è professore emerito di Farmacologia e Tossicologia, si dedica attualmente a tempo pieno ad attività letteraria, al canto corale e alla scultura in ceramica e cotto. 

«Sangue sugli oleandri – giallo versiliese» racconta le vicende dell’ex commissario di polizia, Bruno Falteri di Firenze, protagonista della serie ‘I gialli del prof. Vannini’. Qua viene chiamato da un collega di Forte dei Marmi per un caso poco chiaro, in cui il passato dorato della Versilia balneare si stempera in un clima autunnale, tra villette disabitate e segreti assai ben custoditi. Falteri riesce a dipanare una matassa ingarbugliata e piena di risvolti a dir poco curiosi. 

Marco Vannini, fiorentino, dopo aver insegnato Zoologia all’Università di Firenze, da qualche anno si dedica a scrivere thriller. E’ autore di due opere divulgative di zoologia vagamente scettica: ‘Breve storia della vita animale, ovvero quattro miliardi di anni di errori e di insuccessi’ e ‘Evoluzione e tendenze evolutive: l’opinione dell’ameba’. Si dedica principalmente alla divulgazione scientifica per giovanissimi.

Per assistere all’evento va osservato l’obbligo di indossare la mascherina mantenere le distanze. All’accesso alla Villa sarà rilevata la temperatura e sarà richiesta la sanificazione delle mani, come previsto dalla normativa vigente. Durante l’iniziativa è obbligatorio mantenere il necessario distanziamento fisico tra i partecipanti, salvo le eccezioni previste dalla normativa (congiunti, bambini, portatori di disabilità).

Gli eventi a Villa Argentina sonno organizzati dal Comitato per la valorizzazione di Villa Argentina, formato dalla Provincia di Lucca, Comune di Viareggio, Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Lucca e Massa Carrara.

Per informazioni : Tel. 0584-1647600

Villa Argentina, via Fratti angolo via Vespucci, Viareggio

e.mail: [email protected] 

(Visitato 116 volte, 1 visite oggi)

Ottavio Rossani vince il XXXII Premio Letterario Camaiore Francesco Belluomini

“Nel girone dei bestemmiatori” [Recensione libro]