“Posto che in data 07.08.2020 a firma del Ministro dell’Interno e del Ministro della Salute è stato predisposto un Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell’anno 2020 al fine di prevenire il contagio da COVID-19 – dichiarano Damasco Rosi e Simona Barsotti, capogruppo e consigliera del Partito Democratico e Alberta Puccetti, coordinatrice del circolo PD Bozzano-Quiesa – stabilendo specifiche modalità operative e precauzionali, con indicazioni da adottare in occasione delle elezioni del 20 e 21 settembre 2020 al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei componenti dei seggi elettorali e dei cittadini aventi diritto al voto, abbiamo presentato
un’interrogazione al sindaco Alberto Coluccini per sapere se e come il protocollo è stato rispettato”.

“Tra le varie indicazioni – proseguono i democratici – è stata prevista una pulizia approfondita dei locali, compresi androni, corridoi, bagni e ogni altro ambiente che si prevedeva di utilizzare prima dell’insediamento del seggio elettorale ed anche al termine di ogni giornata di operazione elettorale.

Tali operazioni avrebbero dovuto essere effettuate secondo le direttive dell’Istituto Superiore di Sanità di cui al documento dell’08.05.2020 e la circolare del Ministero della Salute 17644 del 22.05.2020.

Inoltre, il protocollo in oggetto prevedeva anche che durante le operazioni di voto fossero effettuate periodiche operazioni di pulizia dei locali e disinfezione delle superfici di contatto compresi tavoli, cabine elettorali e
servizi igienici”.
“Risulterebbe – concludono i consiglieri Rosi e Barsotti e la coordinatrice Puccetti – che presso i seggi e solo al termine delle giornate di operazioni elettorali sarebbero state effettuate operazioni di pulizia dei soli androni, corridoi e bagni e che invece non sarebbero state effettuate operazioni di pulizia e disinfezione dei locali dei seggi, di tutti o di alcuni, né del materiale in esso contenuto (tavoli, sedie, cabine) durante tutto il periodo di svolgimento delle operazioni elettorali né al termine delle giornate di
operazioni elettorali.

Rilevato che nelle giornate del 20 e 21 settembre si sono recate presso le 24
sezioni elettorali del comune di Massarosa 10.959 elettori, abbiamo interrogato il sindaco per sapere:

  1. a chi sono state affidate le operazioni di pulizia e sanificazione;
  2. con quali modalità e tempistiche e frequenza è stata effettuata la pulizia delle sezioni elettorali e nello specifico dei seggi, delle superfici
    (arredi e pavimenti) e delle cabine elettorali in esso contenute;
  3. in che modo sono state certificate e sono verificabili tali operazioni di pulizia e sanificazione;
  4. a quanto ammonta il costo per l’adempimento delle operazioni indicate nel citato protocollo.
(Visitato 125 volte, 1 visite oggi)

Il confronto televisivo con il presidente Vasco Merciadri non ci sarà.

“COLUCCINI SI COSTITUISCE AL TAR CONTRO SE STESSO”