Gianmarco Romanini, già vice sindaco nella giunta di Leonardo Betti, lascia il Pd.

“Ho preso la mia prima tessera di partito nel 2000. Ho salito e sceso le scale di via Regia per 20 anni, a volte ridendo, a volte piangendo ma sempre animato da quella passione che solo chi fa politica nella base può capire. Sono stato minoranza, maggioranza e minoranza della minoranza ma mi sono sempre divertito anche quando sgrassavo le padelle alla festa dell’unità. Ma, in come tutte le storie d’amore, arriva un momento in cui vanno prese delle decisioni: o sopporto o ti lascio. Io ho sempre sopportato, oggi lascio”, spiega in un post su Facebook. “Lascio un partito in cui, purtroppo, non mi riconosco più, lascio un mondo dove dire la tua non serve più a nulla se il tuo pensiero non accontenta chi comanda. No, questo non è un posto dove spendere tempo e passione”, prosegue -: “Chi combatte non muore mai ed io credo che valga la pena combattere, sempre, ma non contro i mulini a vento. Arriverà un giorno migliore, arriverà un giorno in cui farò ancora quelle scale e sarà bellissimo, che sia con il sorriso o con il pianto. Sarà un giorno appassionato e so che tornerà. Prima o poi.
Per ora, caro PD, ti saluto e aspetto, fiducioso, che tu torni DEMOCRATICO”

(Visitato 686 volte, 1 visite oggi)

Tedeschi, Partite IVA: “Appoggiamo e condividiamo la scelta di Barbara Paci”

Del Ghingaro: “Che strano autunno… c’è perfino chi fonda quello che già è stato fondato”