CARRARA. Avrebbe dovuto tenersi a fine ottobre ma le misure di contenimento della pandemia contenute nell’ultimo Dpcm (dello scorso 18 ottobre) hanno suggerito un rinvio dell’evento intorno al quale ogni anno si riuniscono i principali attori del comparto del marmo.

Per quest’anno insomma Ma.r.mo, in calendario tra il 28 e il 30 ottobre, non si farà. L’annuncio è della IMM-CarraraFiere che si è trovata costretta a rivede la pianificazione degli eventi prevista per il 2020 all’interno del polo fieristico-congressuale di Marina di Carrara. “Una decisione sofferta ma inevitabile – spiegano gli organizzatori – a fronte delle limitazioni sempre più severe agli spostamenti di persone e merci, nonché alla nuova impennata della curva epidemiologica alla quale stiamo assistendo”. Congelato, dunque, il programma incoming commerciale estero realizzato in collaborazione con ICE Agenzia e MAECI, così come le iniziative convegnistico-seminariali caratterizzanti il format rivolte ad ingegneri minerari e architetti.

“Visto il carattere dell’urgenza che la recrudescenza della pandemia sta imponendo in queste ore, alla luce del nuovo DPCM che pone nuove regole anche per il settore fieristico-congressuale – continuano gli organizzatori- primaria necessità dell’azienda è quella di dare garanzie di sicurezza ai partecipanti e di ottenere le migliori condizioni di realizzazione delle manifestazioni in programma. In considerazione dello stato avanzato dei lavori di organizzazione e programmazione dell’evento che propone contenuti  per lo sviluppo di un nuovo modello di business, sarà valutata la possibilità di organizzare una preview di MA.R.MO. edizione 2021 secondo tempi e modalità che saranno tempestivamente comunicate dalla Società”.

(Visitato 162 volte, 1 visite oggi)

Un giro d’affari da un miliardo di euro in provincia di Lucca con il via al superbonus per l’edilizia

Il Covid condiziona le celebrazioni per i defunti. L’appello: comprate fiori versiliesi