VIAREGGIO. La Viareggio delle Partite Iva, delle attività di ristorazione, delle palestre e delle centinaia di attività che hanno subito limitazioni di orario o sono state chiuse per effetto delle misure dell’ultimo Dpcm è di nuovo scesa in piazza.

Martedì 27 piazza Mazzini si è trasformata nel palcoscenico della rabbia e della protesta per una serie di provvedimenti che il mondo dell’impresa, non solo versiliese, ha difficoltà a comprendere.

Slogan e striscioni per chiedere la possibilità di lavorare nel rispetto delle regole. Ma anche lo stop alle tasse alla luce di difficoltà economiche straordinarie che il perdurare dell’emergenza non potrà che peggiorare.

Quella di Viareggio é una delle decine e decine di mobilitazioni che a livello regionale e nazionale sono state organizzate dalle categorie economiche che chiedono al governo un passo indietro sul contenuti del Dpcm

(foto di Mauro Pucci)

(Visitato 973 volte, 1 visite oggi)
TAG:
covid-19 imprese proteste Slider

ultimo aggiornamento: 27-10-2020


Spaccio, blitz della polizia a Forte dei Marmi

Viareggio, l’arcivescovo Giulietti per la messa del 2 novembre