In un periodo così cupo, la nascita di una nuova rivista d’arte può essere di per sé una notizia, a maggior ragione se poi si tratta di una rivista dai contenuti e dalla diffusione internazionali.

Editore e direttore responsabile della neonata AW ArtMag è Lorella Pagnucco Salvemini. In precedenza ha lavorato per 32 anni a ArteIn, ricoprendo nel tempo vari incarichi: da redattore a direttore responsabile a editore.

Sui motivi, senz’altro gravi, che l’hanno spinta a rassegnare le dimissioni a pochi mesi dalla cessione del marchio, tace – per una questione di stile personale, per evitare sterili polemiche, soprattutto perché lei guarda al futuro.

“Non tutto il male vien per nuocere”, sostiene Pagnucco Salvemini e reagisce con un colpo di judo editoriale: fonda un nuovo magazine, cartaceo e online. “Da tempo – riferisce – sentivo l’esigenza di un rinnovamento e si è presentata l’opportunità”.

AW ArtMag si propone, quindi, come una testata alternativa a quelle esistenti ed è indirizzata a lettori e inserzionisti che in esse non si riconoscono. Punta tutto sulla qualità: dei contenuti, della scrittura, della grafica. Ha una vocazione all’internazionalità sottolineata dagli argomenti, dalla traduzione di ogni articolo in lingua inglese, dalla diffusione anche nelle edicole delle principali capitali europee.

AW ArtMag è, al contempo, libera, elitaria e intransigente. Una rivista rivolta a tutti ma non per tutti, che stimola l’orgoglio di esserci negli artisti e nei galleristi, di scriverci nei giornalisti, di acquistarla nei lettori.

Qualche anticipazione su AW ArtMag: copertina dedicata a Fabrizio Plessi (l’artista del momento), tante rubriche innovative, uno staff di collaboratori prestigiosi e di giovani entusiasti che continuano a supportare con il loro affetto e la loro professionalità Lorella Pagnucco Salvemini.

Appuntamento, dunque, dal 20 novembre in edicola.

(Visitato 70 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Arte eventi rivista

ultimo aggiornamento: 12-11-2020


I silos della Salov a Massarosa diventano opere d’arte

“Uomini di pietra”, in TV la storia del marmo come non si era mai vista