“Hanno investito diversi soldi per mettere in massima sicurezza i loro locali-afferma Elisa Montemagni, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega-ed ora si ritrovano a dover abbassare, a nostro avviso ingiustamente, le saracinesche.” “Ci riferiamo-prosegue il Consigliere-ai centri estetici che, a differenza dei parrucchieri e barbieri, con la zona rossa hanno dovuto sospendere ogni attività.” “Sinceramente-precisa l’esponente leghista-non capiamo questa differenziazione fra le due categorie ed auspichiamo che ci possa essere un ripensamento a livello nazionale ed un impegno in tal senso anche da parte della Regione, dando il via libera anche a chi, dopo spese pure ingenti, si era messo nelle migliori condizioni per accogliere i clienti.” “Tante donne, visto che il settore è principalmente al femminile-sottolinea la rappresentante della Lega-a cui viene, quindi, precluso di lavorare, nonostante il massimo impegno nell’adottare misure anti-Covid.” “Tra l’altro-conclude il Consigliere-questo stop, favorirà il fiorente mercato dell’abusivismo che, viceversa, va sempre contrastato.”

(Visitato 85 volte, 1 visite oggi)
TAG:
centri estetici coronavirus elisa montemagni lega politica

ultimo aggiornamento: 19-11-2020


La minoranza punta il dito: “Deborah Bacci ora lavora in Comune, si dimetta dalla commissione pari opportunità”

Puccinelli (FI): “Gravi le parole di Morra, lontane dal senso di umanità”