“Tanto per cambiare, com’è avvenuto recentemente con i balneari-affermano Susanna Ceccardi ed Elisa Montemagni, rispettivamente Europarlamentare e Capogruppo della Lega in Consiglio regionale – ancora una volta un’improvvida decisione della Commissione Europea, rischia di mettere in seria difficoltà i pescatori viareggini.” “Infatti -prosegue il Consigliere -il ventilato taglio percentuale dei giorni potenzialmente lavorativi, sarebbe insopportabile per chi, già fra mille difficoltà, porta avanti questo tipo di attività. Meno giornate a disposizione per uscire in mare significherebbe, infatti, ridurre ulteriormente gli introiti, con le inevitabili e deleterie conseguenze del caso. Tutte queste piccole imprese hanno, tra l’altro, fatto sforzi economici non indifferenti per adeguarsi alle attuali norme di sicurezza anti-Covid ed ora vengono ripagati, malamente, in questo modo.E’ doveroso, quindi, che la Regione affronti la questione in modo rapido e determinato”.
“La proposta di Bruxelles -conclude Ceccardi- è inaccettabile, in termini di sostenibilità economica, per l’intero settore, non solo a livello regionale, ma per tutte le attività presenti sul territorio nazionale. Per questo presenteremo alla Commissione europea una interrogazione per far sì che ancora una volta il nostro Paese non venga penalizzato da scelte folli ed insensate.”

(Visitato 109 volte, 1 visite oggi)

“Concessioni demaniali: il peccato originale di Forza Italia”

Consulte, Lega: “Marketing politico o veri strumenti di confronto?”