Furto e atti di vandalismo nella sede dell’Anpi e della deputazione versiliese dell’istituto storico della Resistenza in provincia di Lucca.  E’ successo nel pomeriggio di ieri a Viareggio: ignoti si sono introdotti nella sede forzando la porta d’ingresso e spaccando una finestra. Il furto è stato scoperto nel tardo pomeriggio dal presidente dell’ampi Viareggio Luca Coccoli. Da una prima ricognizione risultano rubati alcuni cimeli di valore storico e simbolico, tra cui un bronzo dedicato al politico versiliese Luigi Salvadori opera di Leonida Parma, un bracciale originale risalente al 1944/45; medaglie e riconoscimenti della Seconda Guerra Mondiale e della Resistenza, quattro bandiere dell’ANPI e due quadri. 

“Questo furto è una ferita aperta – dichiara Luca Coccoli, presidente della sezione di Viareggio dell’ANPI – sono stati rubati molti cimeli che rappresentano la storia di Viareggio, che ricordano un periodo fondamentale della nostra memoria, quello della Resistenza e della Liberazione. Il furto delle bandiere poi è lacerante per il senso di appartenenza e di affetto che ci lega; meno male che la prima bandiera, quella delle Brigate Garibaldi, recante l’effigie dell’eroe, si è salvata”. 

 Indaga la polizia.

Pd

Il Partito Democratico della Versilia, con la Segreteria territoriale e le Unioni comunali di Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza, Stazzema, Viareggio condanna il furto e i danneggiamenti subiti dall’ANPI Viareggio ed esprime solidarietà e vicinanza alle amiche e agli amici dell’associazione.

“Ci sentiamo profondamente colpiti a causa della sottrazione di oggetti di grande valore storico ed emotivo. Si tratta di veri e propri cimeli che testimoniano la lotta di Liberazione in Versilia, il valore assoluto delle donne e degli uomini che si opposero al nazismo e al fascismo e misero a repentaglio la loro vita per donarci la libertà e la Costituzione: un patrimonio che appartiene a tutti noi. Non sappiamo quale sia la matrice di questo gesto. Ma se dovesse essere politica, sappiano i criminali che hanno compiuto questo reato che da parte del Partito Democratico della Versilia, di tutte le antifasciste e gli antifascisti, questo gesto non fa altro che rafforzare la convinzione che ci sia bisogno di memoria, che ci sia bisogno di antifascismo militante. Essere antifascisti significa essere dalla parte delle libertà, dei diritti, del rispetto delle leggi e della Costituzione. Nessun atto violento, nessun furto, nessuna sottrazione di cimeli storici potrà mai scalfire la ferma convinzione in questi valori e proseguiremo insieme all’ANPI il percorso di trasmissione alle giovani generazioni della memoria e dei principi antifascisti”.

Maurizio Verona

“Abbiamo proposto una legge antifascista. Ad oggi a Viareggio ci sono 8 firme. Se siete antifascisti, andate a firmare”. Lo scrive Maurizio Verona, sindaco di Stazzema (Lucca), commentando il furto e i vandalismi subiti alla sede Anpi di Viareggio (Lucca).

“La sede dell’Anpi di Viareggio – scrive in sindaco Verona – è stata oggetto di atti vandalici. Sono vicino all’associazione, che rappresenta le donne e gli uomini che ci hanno donato libertà e democrazia. Il neofascismo è una realtà e ogni giorno si radica sempre di più nel nostro sistema. Ho proposto una legge antifascista: oggi a Viareggio ci sono 8 firme. Otto, non 8.000. Se siete antifascisti andate a firmare. Se volete fermare questa rinascita neofascista reagite. Chi non reagisce è complice”

Umberto Buratti

“Oltraggio alla memoria”. Così il deputato Pd Umberto Buratti commenta il furto e i vandalismi subiti dalla sede dell’Anpi di Viareggio. “Solidarietà e vicinanza all’ANPI – scrive Buratti sulla sua pagina Facebook – e ferma condanna per il furto e danneggiamenti che hanno subito. Sono stati sottratti cimeli che appartengono a tutti noi, alla nostra storia, testimonianze del coraggio e del valore di donne e uomini che presero parte alla Lotta di Liberazione contro il fascismo e il nazismo per donarci la libertà e la democrazia. Confido che le Forze dell’Ordine possano consegnare alla giustizia questi criminali”.

Sinistra Italiana

“Un fatto grave ed inquietante. L’effrazione subita dall’ANPI di Viareggio colpisce ed addolora tutti gli antifascisti versiliesi. Quelle bandiere, quelle medaglie vilmente trafugate erano il simbolo del valore di tante donne e tanti uomini che misero a rischio la propria vita per difendere la libertà del nostro paese. Per questo, mentre ci auguriamo che tutti i beni sottratti vengano ritrovati, ci impegnamo altresì a non disperdere la memoria della lotta per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo, delle partigiane e dei partigiani, ad insegnarne i valori alle future generazioni. Questo tesoro nessuno potrà mai rubarcelo”. 
Alberto Pellicci – coordinatore provinciale Sinistra Italiana 

(Visitato 426 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 06-01-2021


Coronavirus, vaccino anche per il sindaco di Forte dei Marmi: “Giusto ed etico farlo”

Neve sulla spiaggia, insolito panorama