Pavimento pelvico: una struttura del nostro corpo ancora troppo poco conosciuta, complessa dal punto di vista anatomico ed essenziale sia nel campo della sessualità e della riproduzione che per quanto concerne la funzione escretoria. Il pavimento pelvico è, infatti, quell’insieme di muscoli, fasce e legamenti che chiudono in basso lo spazio addominale e contengono i visceri. Un’area corporea che, a differenza di quanto si sia soliti pensare, non ha a che fare soltanto con l’universo femminile, anzi. La maggior parte della popolazione ha pochissima consapevolezza di cosa sia e di come funzioni, ma si può dire che, almeno una volta nella vita, tutti abbiano avuto a che fare con qualche problema legato a questa zona corporea. Complici di questa mancanza di consapevolezza diffusa in materia sono anche i tanti tabù che ancora gravitano attorno al tema. Parlare apertamente di sessualità, riproduzione, incontinenza, stipsi, emorroidi, e altri argomenti che hanno a che fare con questa zona così delicata è ancora poco comune. Ma non parlandone si rischia di incorrere nell’accentuazione di un problema persistente che può sfociare in una patologia. Con lo scopo di ascoltare, consigliare e abbattere i tabù che ancora ruotano attorno alla tematica, il Centro Medico Specialistico Versilia propone gli Open Days, una serie di incontri gratuiti con professioniste del settore. 

Professionisti vicini alle persone. Gli Open Days del Centro Medico Specialistico Versilia

Durante il mese di febbraio, al CMS Versilia si potrà partecipare agli “Open Days”, appuntamenti gratuiti e aperti a tutti, durante i quali parlare apertamente, confrontarsi e consigliarsi con chi, di pavimento pelvico, se ne occupa da una vita. Il 10 febbraio, l’ostetrica Cinzia Macchitella, specializzata in riabilitazione del pavimento pelvico femminile con macchinari come “Vagicomby”, accoglierà gli interessati la mattina, dalle 10 alle 12, e il pomeriggio, dalle 15 alle 18.  Il 23 febbraio, dalle 15 alle 19, al Centro Medico sarà possibile fissare un incontro con la fisioterapista Chiara Autiello, esperta di riabilitazione del pavimento pelvico maschile e femminile. Gli incontri sono aperti a tutti e interamente gratuiti, e si possono prenotare tramite la pagina del sito web del Centro Medico Specialistico Versilia, telefonando al numero 0584-617631 o accedendo alla chat di Facebook dalla pagina del Centro.

Perché è importante prendersi cura del pavimento pelvico

Il pavimento pelvico è un gruppo muscolare articolato in tre strati che chiude in basso il bacino, circonda l’uretra, la vagina, l’ano, sostiene la vescica, l’utero ed il retto insieme alle strutture ligamentose che ancorano ai lati del bacino gli organi citati. Le sue funzioni riguardano la continenza urinaria e fecale, ma anche la minzione e la defecazione. Come struttura dinamica, il pavimento pelvico è capace di rispondere in contrazione riflessa (ovvero involontaria) agli aumenti della pressione addominale in caso di tosse, salti, attività fisica, e concorre al mantenimento nella giusta posizione degli organi sopracitati. Questa struttura assume un ruolo rilevante nella vita sessuale ai fini del piacere nel rapporto e della riproduzione. Di fatto, sostiene l’utero gravido e, nel corso del parto, sarà proprio questa zona che dovrà distendersi affinché il bambino possa fuoriuscire.  È una parte vulnerabile e delicata, da rispettare, ma, allo stesso tempo, forte e potente, sede di energia generatrice. Dobbiamo tenere presente che il perineo partecipa, come poche altre aree del corpo, a tutte le nostre attività quotidiane e può subire effetti negativi derivanti da una struttura anatomica predisposta o da cattive abitudini minzionali o evacuative, posture prolungate scorrette, difficoltà respiratorie croniche, sforzi da sport, travaglio prolungato, parto operativo, stipsi. Per questo è importante prendersene cura, al fine di prevenire alcuni disturbi che potrebbero interessare questa zona. In particolar modo, queste patologie possono essere suddivise in 3 gruppi:

 disturbi della continenza: come l’incontinenza urinaria, ai gas o alle feci, ma anche la stipsi e la ritenzione urinaria;

 disturbi della statica: come il prolasso degli organi pelvici, ossia la discesa degli stessi, o le emorroidi;

 disturbi da ipo o ipertono dovuti a una muscolatura poco o troppo contratta, come nei casi di disfunzioni sessuali o nel dolore pelvico cronico. 

Si tratta di condizioni che, in grado elevato, influiscono negativamente sulla qualità della vita individuale, sociale e di coppia, nonché sullo stesso umore, per sfociare, in certi casi, anche nella depressione. Chi soffre, ad esempio, di dolore pelvico cronico, più frequentemente una donna, inizia ad accusare problemi sul lavoro, non riesce a stare seduta, riposa male, e non riesce ad avere un rapporto sessuale. Per questo è essenziale identificare la radice del problema e agire al fine di prevenire e migliorare la propria qualità della vita.

Come rimediare ai disturbi del pavimento pelvico

Grazie all’aiuto di professionisti esperti, i disturbi del pavimento pelvico possono essere attenuati e risolti con diversi strumenti terapeutici:

–          l’esercizio guidatoper tonificare ed elasticizzare i muscoli o rilassarli;

–          il biofeedbackuno strumento che permette di visualizzare graficamente la contrazione del perineo e può aiutare nella conoscenza del suo funzionamento;

–          l’elettrostimolazionenon dolorosa, che riattiva la contrazione in un perineo poco o quasi per nulla rispondente;

–      l’elettroporazione e la radiofrequenza, tecniche di ultima generazione: l’elettroporazione permette di veicolare farmaci all’interno del corpo senza mezzi invasivi, mentre la radiofrequenza consente il rilassamento della muscolatura contratta con lo sviluppo di calore e un potente effetto metabolico e analgesico.

A queste soluzioni si associano interventi di educazione sanitaria per la rimozione delle cattive abitudini, come, ad, esempio, trattenere troppo a lungo lo stimolo urinario o, al contrario, urinare troppo di frequente.

Cosa fa il Centro Medico Specialistico Versilia

Il Centro Medico Specialistico Versilia (ex CMS Bendinelli) è un riferimento della fisioterapia in Versilia. Il nuovo direttore sanitario, il professor Alessandro Battaglia, primario per oltre 20 anni della Medicina Riabilitativa dell’Ospedale Versilia, e l’amministratore Massimo Ceragioli, dopo averlo rilevato, lo hanno ristrutturato arricchendolo di nuovi professionisti e nuove strumentazioni all’avanguardia. Il CMS Versilia è una struttura sanitaria che offre prestazioni mediche polispecialistiche, diagnostica ecografica, elettromiografica ed elettrocardiografica, percorsi di riabilitazione cardiologica e di terapia fisica. Ha una grande palestra per attività riabilitative, ginnico-atletiche e propone corsi di attività psico-fisica per la prevenzione e il mantenimento della salute mentale e fisica. E’, inoltre, anche un centro per ausili per ortesi e protesi, in collaborazione con il Centro Ortoprotesico Toscano. Il CMS, con i suoi professionisti, lavora sulla definizione di una corretta diagnosi che consenta un appropriato progetto terapeutico personalizzato, con attenzione alla presa in cura della persona. Il Centro Medico Specialistico Versilia ha dato vita alla CMS Academy, che promuove una serie di iniziative per contribuire alla conoscenza di sé stessi e del proprio benessere con post su Facebook, notizie, newsletter, e Open Days, durante i quali gli specialisti sono gratuitamente a disposizione per ascoltare, consigliare e suggerire percorsi da intraprendere al fine di migliorare la propria qualità della vita.

(Visitato 120 volte, 1 visite oggi)
TAG:
medicina pavimento pelvico Salute

ultimo aggiornamento: 03-02-2021


Cos’è, tipologie e quando ricorrere a un’assicurazione sulla vita