Non solo siamo molto soddisfatti di questo grande risultato ma oggettivamente ci sentiamo di dire, senza timore di smentita, che l’imposizione del vincolo di interesse culturale a vantaggio del Teatro Politeama da parte del Segretariato Regionale del Ministero dei Beni ed Attività Culturali è decisamente ascrivibile all’iniziativa ed alla battaglia politica portata avanti dalla Lega di Viareggio che nel corso della scorsa consiliatura ha promosso l’istanza ai sensi delle norme del Dlgs 22 gennaio 2004 n. 42, coltivandola presso l’Agenzia del Demanio sia a Roma che a Firenze, presso la Soprintendenza a Lucca e naturalmente attraverso i nostri rappresentanti sia al Ministero dei Beni Culturali, a cominciare dal Sottosegretario alla Cultura Sen. Lucia Borgonzoni, che in Parlamento ed in Regione Toscana, sostenendola a più riprese con continuità certosina attraverso numerose manifestazioni ed iniziative.

In questo senso intendiamo altresì riconoscere come la nostra battaglia, che ha avuto come primo protagonista Massimiliano Baldini insieme all’intero nostro Gruppo Consiliare di allora formato da Maria Pacchini, Alfredo Trinchese ed Alessandro Santini, sia stata appoggiata non solo da tutti gli iscritti della nostra sezione ma altresì da tanti cittadini e riferimenti importanti della cultura locale oltre che condivisa e sostenuta nelle sedi istituzionali e pubbliche anche da altre forze politiche e civiche come Forza Italia per mezzo dell’On. Deborah Bergamini (oggi al Governo) e del suo Capo Segreteria Dott. Stefano Comelli, il Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini a mezzo di Manuela Casini, il Movimento Cinque Stelle con Annamaria Pacilio ed altri rappresentanti autorevoli dell’allora Gruppo Misto.

Così intervengono Il Capogruppo della Lega e membro della Commissione Cultura Alessandro Santini, insieme al Commissario Cittadino della Lega Maria Pacchini ed ai Consiglieri Comunali Alberto Pardini e Walter Ferrari
Quando formalizzammo l’istanza per il riconoscimento del vincolo di interesse culturale sul Teatro Politeama – continuano i rappresentanti della Lega – era in discussione il Regolamento Urbanistico e si temeva, come era voce diffusa, che ci fosse la volontà da parte dell’Amministrazione Comunale di trasformare il teatro, ormai vuoto a seguito della decadenza della concessione e l’avvenuto rilascio da parte della famiglia Scarpellini, in un centro commerciale o quant’altro, con il rischio che un pezzo così importante della storia della cultura non solo locale ma nazionale ed internazionale, andasse perduto. Timore decisamente fondato anche alla luce del fatto che avevamo presentato pure un’osservazione al regolamento urbanistico che prevedeva l’introduzione del vincolo in qualità di invariante strutturale che fu tuttavia respinta.
Il riconoscimento del vincolo culturale al Politeama è un passaggio fondamentale ma non esaurisce la nostra battaglia – conclude Massimiliano Baldini, da pochi giorni nominato Responsabile Regionale del Dipartimento Cultura della Lega in Toscana ad opera del Commissario Nazionale On. Mario Lolini – perchè, dopo aver salvato questo enorme patrimonio culturale dal paventato rischio di vederlo disperdere a vantaggio dell’ennesimo “outlet”, intendiamo adoperarci con la medesima determinazione affinchè il teatro possa essere ristrutturato dalle disastrose condizioni in cui si trova, messo in sicurezza e riprendere vita quanto prima, evitando che possa essere considerato luogo di ricovero per tanti balordi che frequentano le zone adiacenti sempre più abbandonate e nelle mani del mercato dello spaccio di stupefacenti.

Come abbiamo già detto in più di una occasione, anche grazie all’ausilio degli approfondimenti compiuti dal Collega Avv. Carlo Andrea Gemignani che torneremo a consultare, le norme sul federalismo demaniale culturale possono essere un punto di riferimento da cui partire ma è ovvio che necessita la buona volontà di tutti gli enti coinvolti, anche perchè se la città di Viareggio pensa davvero di volersi presentare come possibile città Capitale della Cultura Italiana per il 2024, situazioni come quella in cui versa il Teatro Politeama o vicende come quelle occorse alle Oceaniche di Turcato – anche in quest’ultimo caso battaglia portata avanti dalla Lega per mezzo del nostro Capogruppo Alessandro Santini – non sono certo il miglior biglietto da visita.

(Visitato 74 volte, 1 visite oggi)

Il comune cerca un fondo in locazione passiva transitoria per sede Cred

“Un Mito al Liceo”: 70 studenti in gara per il Museo Mitoraj