In un comunicato congiunto Stefano Natali per Sinistra Comune e Silvano Simonetti per Massarosa Domani rinnovano al Commissario prefettizio la richiesta di essere informati sulla vicenda del KEU, ceneri di risulta dell’incenerimento dei fanghi di conceria del Valdarno smaltiti in maniera criminale nella zona di Pioppogatto dopo le numerose sollecitazioni all’amministrazione, oggi decaduta, perché informasse le forze politiche, con la costituzione di un tavolo tecnico.

Oggi, a distanza di quasi due mesi, rinnoviamo il nostro appello assieme a Francesco Mauro, al pari di Simonetti candidato a sindaco nel 2019, questa volta al Commissario Prefettizio, la Dott.ssa Giuseppina Cassone subentrata il 4 giugno all’ex amministrazione, facendo nostre le parole di Legambiente: “chiediamo di seguire gli accertamenti che verranno fatti dalle autorità competenti nella massima trasparenza nei confronti della popolazione che il caso richiede, comunicando celermente ai cittadini tutti gli accorgimenti che verranno messi in atto per garantire la salute pubblica e dell’ambiente”.

Come già detto in più sedi, la permeabilità dei terreni della zona di Pioppogatto e la seria possibilità di contaminazione della falda acquifera richiedono che l’area venga bonificata in tempi rapidissimi, perché ne va della salubrità di un territorio già molto provato e soprattutto della salute dei cittadini. In quest’ottica non possiamo che tornare a chiedere anche un rapido intervento della Regione Toscana affinché il personale tecnico A.R.P.A.T. torni a livelli tali da consentire la normale operatività, e che il Settore Versilia-Massaciuccoli del Dipartimento di Lucca, proprio per la particolare fragilità del nostro territorio, su cui insistono discariche e un impianto strategico di trattamento dei rifiuti, abbia una sede stabile nel nostro Comune.

E’ chiaro che spetta alla Magistratura fare al più presto luce su una vicenda criminale che coinvolge anche altri territori della Toscana, ma come rappresentanti dei cittadini di Massarosa, quali siamo stati fino a pochi giorni fa, sentiamo il dovere di prendere parte al processo conoscitivo e decisionale in rappresentanza dei legittimi interessi di tutti i nostri concittadini: la salute della cittadinanza ed il danno ambientale per un territorio di pregio ma fragile come il nostro richiedono infatti uno sforzo unanime e soluzioni tempestive per la totale bonifica dei terreni coinvolti.

Per questo chiediamo al Commissario Prefettizio di fare ciò che l’ex Sindaco non è stato in grado di fare: ascoltare e tenere informati i cittadini, e chiedere con fermezza che si accerti subito e inequivocabilmente se nei terreni di Pioppogatto c’è materiale pericoloso; e in tal caso procedere senza indugio alla bonifica.

(Visitato 282 volte, 1 visite oggi)

Sinistra Italiana Versilia su ex-sindaco Massarosa

LEGA Massarosa: “Sapremo individuare una leadership adeguata”