Il benessere è strettamente legato alla qualità ambientale del territorio in cui viviamo. Per questo ritengo la tutela dell’ambiente uno dei capisaldi del nostro impegno per Massarosa. Il territorio è al centro di diversi problemi ambientali di non semplice risoluzione ma che dovranno essere affrontati dalla prossima amministrazione comunale partendo da ciò che è stato fatto.

In quest’ottica trasferire la sede del Dipartimento Versilia-Massaciuccoli di ARPAT a Massarosa è un obiettivo su cui lavorare sin da subito e potrebbe contribuire concretamente ad affrontare i problemi ambientali.

Queste le questioni più urgenti:

la bonifica dei terreni di Pioppogatto interessati dallo smaltimento illecito del KEU. Non deve più piovere su quel materiale dilavandolo e inquinando la falda sottostante e i canali adiacenti.

Riteniamo anche necessario lavorare con la Regione per interventi normativi e piani straordinari sulla mitigazione del rischio idrogeologico, tramite i fondi del PNRR o tramite i fondi europei gestiti da Artea o con altre misure e finanziamenti.

La tutela dell’ambiente è strettamente connessa con le opportunità di promozione turistica di Massarosa: ci impegneremo nella difesa e valorizzazione del grande patrimonio naturalistico, con particolare attenzione al parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli e ai sentieri collinari e ai percorsi delle strade bianche di bonifica, ma anche al lago e alle azioni che ci consentono di valorizzarlo al meglio, in modo sostenibile anche dal punto di vista turistico. Con il progetto “Le vie dell’acqua” proponiamo di acquistare dei battelli elettrici per collegare Massarosa con Viareggio e Vecchiano in modo totalmente ecosostenibile, per i cittadini e per i turisti.

Sul tema della gestione dei rifiuti la nostra prima azione riguarderà l’indennità di disagio ambientale da destinare a Massarosa per la presenza dell’impianto di Pioppogatto impiegato nel ciclo della gestione dei rifiuti urbani. Tale indennità dovrà diventare un’entrata strutturale per il comune di Massarosa, da utilizzare per garantire agevolazioni tariffarie a favore dei cittadini e per la copertura delle spese relative alle opere di miglioramento ambientale.

Sarà nostra cura proseguire verso l’obiettivo “Rifiuti zero”, riducendo i rifiuti prodotti e puntando al massimo recupero dei materiali.

Nel 2019 Massarosa ha raggiunto la copertura totale della raccolta dei rifiuti “porta a porta”. L’impianto di Pioppogatto dovrà diventare in tempi ragionevoli la ‘Fabbrica dei materiali’.

Il Comune si impegnerà inoltre sul tema della mobilità sostenibile e sull’efficientamento energetico, a partire dalla pubblica illuminazione fino agli edifici pubblici e scolastici.”

(Visitato 30 volte, 1 visite oggi)
TAG:
massarosa politica simona barsotti

ultimo aggiornamento: 07-09-2021


Carlo Bigongiari sul commercio: aiuti all’imprenditoria femminile e giovanile

Morte sul lavoro, Bigongiari: Investire su controlli e formazione