La Giunta regionale deve attivarsi quanto prima, nei confronti di Ferrovie dello Stato, affinché vengano presi provvedimenti per garantire una conservazione decorosa del locomotore del treno della strage di Viareggio del 2009, in piena sicurezza, in segno di rispetto per le vittime e i feriti di uno degli eventi più drammatici della storia recente della Toscana e dell’Italia.

L’impegno è contenuto in una mozione del gruppo Pd, primo firmatario Francesco Gazzetti, approvata all’unanimità dal Consiglio regionale.

Il quotidiano Il Tirreno ha portato alla luce che il locomotore è attualmente, insieme ad altro materiale rotabile in disuso alla periferia nord di Livorno, in un deposito in stato di abbandono, che risulterebbe essere stato un’officina di Ferrovie dello Stato attiva dal 1927 fino al 2018, anno della chiusura. Il locomotore è stato preso d’assalto dai vandali, con scritte giganti a bomboletta spray. Ferrovie dello Stato dovrà ripulire il deposito ferroviario abbandonato e chiudere gli accessi, in modo da impedirne usi impropri nel futuro, in vista di un auspicabile recupero complessivo dell’area.

(Visitato 45 volte, 1 visite oggi)

Grande successo al Teatro Comunale di Pietrasanta per il debutto della stagione di prosa 2021-22

Repubblica Viareggina: ” No alla ciclovia tirrenica attraverso la riserva della Lecciona”