La scorsa notte, i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Viareggio e della Stazione di Camaiore hanno arrestato in flagranza di reato tre soggetti minorenni, tutti 17enni, due originari del Marocco ed uno albanese, già noti alle forze di polizia, che avevano preso di mira un negozio alimentari in via Paolo Savi a Viareggio.
Fondamentale il senso civico di un cittadino residente che, verso le 02.30, notando i tre soggetti che si aggiravano in modo sospetto davanti all’ingresso di un negozio in via Paolo Savi, considerata anche la tarda ora, ha subito contattato la centrale operativa dei Carabinieri.


Immediatamente due pattuglie dell’Arma hanno raggiunto la zona segnalata e hanno notato che la saracinesca di ingresso di un’attività commerciale risultava forzata.
A questo punto, i militari hanno fatto irruzione all’interno del negozio e hanno sorpreso i tre soggetti mentre stavano asportando i soldi dal fondo cassa e numerosi prodotti alimentari. Due sono stati subito bloccati all’interno del negozio mentre il terzo ha tentato la fuga ma, dopo un breve inseguimento a piedi, è stato raggiunto dai Carabinieri.
I tre sono stati perquisiti e sono stati trovati in possesso di alcuni cacciaviti, utilizzati per forzare la porta di ingresso, e due telefoni cellulari “Iphone” di cui non hanno saputo giustificare la provenienza e che verosimilmente sono provento di furto.
I malviventi sono stati quindi accompagnati in caserma e dichiarati in stato di arresto per il reato di tentato furto aggravato in concorso e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria per i minorenni, sono stati tradotti presso l’Istituto Penale per minori di Firenze.
Infine i carabinieri hanno provveduto a restituire la refurtiva al legittimo proprietario.

(Visitato 1.464 volte, 1 visite oggi)

Rapina con volto coperto e taglierino la farmacia, indagano i carabinieri

Blitz nella casa dell’uomo barricato, salvo anche il padre