Apprendiamo la notizia che il presidente del Brasile Bolsonaro ha revocato il decreto di lutto ufficiale per Padre Damiano.

Il governo Bolsonaro ha revocato 35 decreti lutto ufficiale emanati dai predecessori, con l’annullamento di norme «la cui efficacia o validità è completamente pregiudicata». Così ha annullato il lutto ufficiale per i cattolici Dom Helder Câmara e Fra Damião. Tuttavia, ha mantenuto i decreti di lutto per gli ex presidenti militari Ernesto Geisel e João Figueiredo.

Alla sua morte nel 1997 l’allora presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso proclamò tre giorni di lutto nazionale.

In Brasile, un santuario è stato eretto alla sua memoria nello stato della Paraíba dalla Diocesi di Guarabira, dove il frate originario di Bozzano e naturalizzato brasiliano ha svolto la sua attività missionaria dedicandosi ai più deboli.

Memoriale Padre Damiano da Bozzano

Nel 2019 Papa Francesco riconoscendone le sue virtù eroiche lo ha dichiarato venerabile.

Oggi il presidente Bolsonaro ha revocato i riconoscimenti ufficiali di lutto per 35 autorità nazionali e internazionali tra cui Frei Damião e Don Helder Câmara.

Come si legge su Brazil247 esponenti delle precedenti amministrazioni della SAJ (Subchefia of Legal Affairs) intervistati in modo riservato hanno affermato di non vedere alcun senso nell’annullamento dei decreti di rimpianto.
La revoca dei decreti di lutto nel governo Bolsonaro non ha avuto parità di trattamento per tutte le autorità e personalità che hanno ricevuto l’onorificenza ufficiale negli ultimi anni.

La decisione di Bolsonaro di revocare 35 decreti di lutto, compresi quelli ufficiali per i cattolici Dom Helder Câmara e Frei Damião, ha sconvolto lo scrittore Marco Lucchesi tra gli altri.

“Frei Damião, per la sua opera di evangelizzazione nel Nordest, è molto celebrato a Massarosa, in Italia, da dove proviene la mia famiglia e dove il sacerdote è nato”, ha detto lo studioso ABL

Lo scrittore dice che il legame della città con il Brasile è forte non solo a causa di Frate Damiano:
“La conquista di Massarosa fu la prima vittoria dei piccoli soldati della Forza di Spedizione Brasiliana (FEB) nella seconda guerra mondiale. Ho chiamato lì e la gente è scioccata”.

Un brutto gesto considerando il bene che il frate cappuccino ha saputo donare ai più deboli in Brasile e delle origini lucchesi del presidente Brasiliano.

(Visitato 566 volte, 1 visite oggi)

Coronavirus, 12.357 nuovi positivi, età media 34 anni. I decessi sono 20

Andy Warhol è di scena a Forte dei Marmi: inaugurata la mostra a Villa Bertelli