“Non mi aspettavo un’azione del genere da parte della consigliera Dell’Innocenti. Mi sono vergognata per lei, ancor prima che da sindaca, da cittadina e da persona”.

Così Simona Barsotti, sindaca di Massarosa, dove nell’ultimo consiglio comunale sul Giorno della Memoria, la consigliera di Fratelli d’Italia Michela dell’Innocenti si è rifiutata di leggere il nome di una delle vittime di Auschwitz.

“Avevamo stabilito con tutti i presenti in sala – spiega Barsotti – che ognuno di noi, dai consiglieri agli assessori, avrebbe letto nome e cognome, data di deportazione e data di morte di uno dei deportati nei campi di concentramento. Lei non ha neanche alzato gli occhi dal suo cellulare e ha detto ‘io passo”. Siamo rimasti senza parole, la cosa ci ha totalmente sbalorditi. La sua indifferenza – ha aggiunto Barsotti – è destabilizzante. Quel nome, ovviamente, poi è stato comunque letto da un altro dei presenti. Una totale noncuranza che è stata un’offesa, per le persone deportate e anche per chi si è speso perché ognuno di noi ricordasse una persona. Vorremmo una spiegazione dalla consigliera Fdi. Se non era d’accordo – conclude la sindaca di Massarosa – poteva evitare di entrare in sala, come altri hanno fatto, e avrebbe fatto più bella figura”.

(Visitato 915 volte, 1 visite oggi)

Giornata della memoria, consigliera comunale FDI si rifiuta di leggere nomi dei deportati della Lucchesia

Cavirani (Lega). “Spero Fdi prenda distanza da atteggiamento da condannare”