A Lucca nasce Next generation LU, laboratorio di idee promosso da Azione Lucca Under30, per mettere al centro del dibattito i giovani, le loro necessità e le loro aspettative.

Far tornare i giovani protagonisti e soprattutto partecipi di quella vita politica – anche in vista delle prossime elezioni – che a causa di molteplici cause sono stati delusi e allontanati.

Il prossimo sindaco di Lucca dovrà gestire i fondi del PNRR. Politica significa per noi amministrare e sinceramente siamo stanchi di vedere politici che pur di non perdere consensi non prendono decisioni, procrastinando ogni scelta finendo per danneggiare l’intera comunità.

I giovani, per una certa classe politica non hanno un grande interesse perché elettoralmente sono pochi. Si preferisce spendere energie altrove confinando le nuove generazioni in una “riserva indiana” fatta di frasi fatte, proposte superficiali e di qualche contentino esibendoci alla bisogna come specchietto per le allodole.

Non vogliamo essere messi in panchina, non vogliamo essere rilegati al ruolo di classe dirigente di un futuro che però non arriverà mai.
Vogliamo essere protagonisti oggi, presentando a coloro che vorranno amministrare la nostra città un progetto costituito da proposte ponderate, analisi dei problemi e ricerca delle possibili soluzioni.

Ogni anno dall’Italia se ne vanno 131 mila giovani che qui non riescono, soprattutto a causa delle istituzioni, a far emergere le loro competenze in ambito lavorativo. È come se Lucca e Capannori scomparissero ogni anno. Viviamo in una città, in una provincia dove il numero di giovani che ogni anno emigra cresce drasticamente.

Dobbiamo invertire questa rotta prima che sia troppo tardi, e in particolare deve essere la politica a farlo principalmente con la sicurezza di un livello economico e sociale adeguati.
Ci aveva provato Carlo Calenda proponendo l’eliminazione delle tasse sul lavoro fino a 25 anni e la riduzione del 50% fino a 30 anni, ma non c’è stato interesse da parte della politica.

Lucca in Azione Under30 ha deciso di dare finalmente ai giovani lo spazio che realmente meritano attraverso Next Generation LU, un laboratorio di idee che da oggi, attraverso il dialogo con ragazze e ragazzi e soprattutto grazie all’aiuto di esperti, porteremo avanti.

Next generation LU ricorda nel nome quello presentato dall’unione europea che sottolinea l’importanza che i giovani devono rivestire all’interno delle proposte e dei progetti.

A Lucca abbiamo studenti dimenticati nei container a Campo di Marte – dichiara Pietro Paradossi Tognelli responsabile di Azione Under 30 provinciale – altri senza riscaldamento nelle scuole da mesi.
Scuole che devono condividere piccoli spazi per le attività. L’edilizia scolastica è in condizioni critiche.
Una situazione inaccettabile che insieme dobbiamo superare.

Ci prendiamo l’impegno di aiutare i ragazzi a fare impresa attraverso la destinazione di immobili pubblici a spazi di Coworking dove a prezzi calmierati si possa cominciare un percorso imprenditoriale;

Idee chiare, pragmatismo e preparazione. I giovani sono l’oggi, e che il domani lo si costruisce fin da subito.

Sentiamo l’esigenza di contribuire al programma per la Lucca del futuro che sarà la nostra Lucca attraverso il confronto e la proposta, superando i vecchi schemi politici.
Scrivi a [email protected] per maggiori informazioni o vai sul nostro profilo social www.facebook.com/groups/nextgenerationlu/

La politica non è un gioco di ruolo, la politica è passione e Next generation LU deve essere la passione che ci unisce.

(Visitato 133 volte, 1 visite oggi)

Azione e +Europa promuovono un presidio per la pace

Azione: In Provincia di Lucca lancia lo sportello di ascolto per Autismo e Disabilità